Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

La dinamica della garanzia per i vizi



La dinamica della tutela del compratore derivante dalla garanzia per i vizi prende le mosse dall' eventuale modificazione convenzionale della disciplina legale in sede di perfezionamento della vendita (art. 1491 cod.civ.). Problema di non indifferente portata è altresì la compatibilità tra la garanzia e la stipulazione di un mero contratto preliminare, ancorchè ad efficacia anticipata.

Una volta che il difetto della cosa venduta si sia manifestato, il compratore ha l'onere di effettuarne solerte denunzia al venditore. L'art. 1495 cod.civ. prevede a questo riguardo un breve termine decadenziale cui fa seguito un altrettanto breve termine prescrizionale entro il quale agire giudizialmente.

L'azione giudiziale può variamente articolarsi: a questo proposito la legge mette a disposizione del compratore una specifica azione di risoluzione contrattuale (la c.d. azione redibitoria) o, nei casi meno gravi, la riduzione del prezzo (c.d. azione estimatoria), rimedi ai quali deve essere aggiuntal'azione generale di risarcimento del danno.

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

La dinamica della garanzia per i vizi
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "La dinamica della garanzia per i vizi"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto