Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

La dichiarazione di voler esercitare la prelazione



La dichiarazione del titolare del diritto di prelazione, con la quale costui manifesta l'intento di avvalersene, possiede indubbiamente natura di atto negoziale unilaterale recettizio, destinato ad essere portato a conoscenza dell'offerente (Cass. Civ. Sez. III, 1331/97 ; Cass. Civ. Sez. III, 224/92 ) nota1.

Varie sono le fattispecie poste a fondamento del diritto di prelazione: si può trattare di prelazione legale, munita di retratto (cfr. art. 732 cod.civ., art. 8 legge del 26 maggio 1965 n. 590, art. 8 legge 14 agosto 1971 n. 817, art. 36 legge 1978 n.392) ovvero di prelazione convenzionale, scaturente da pattuizioni liberamente convenute.

Cosa dire nell'ipotesi in cui, spettando il diritto di prelazione ad una pluralità di titolari, ciascuno di essi pretenda di esercitarlo (o non esercitarlo) separatamente? In tema di prelazione agraria è stato deciso che, nonostante il predetto art.8 della l 1965 n.590 preveda la necessità dell'esercizio congiunto del diritto, può in concreto essere ammesso anche l'esercizio per porzioni separate, ogniqualvolta ciascuno degli appezzamenti condotti costituisca "un'entità autonoma ed indipendente" (Cass. Civ., Sez. III, 1369/2014).

Note

nota1

Coloro (Catricalà, voce Patto di preferenza, in Enc, dir., vol.XXXII, 1982, p.515; Bonilini, La prelazione volontaria, Giuffrè, 1984, p.119 e Bianca, Diritto civile, vol.III, Milano, 2000, p.270) che invece sostengono che alla denuntiatio debba riconoscersi la forma di una vera propria proposta contrattuale, ritengono che la dichiarazione di voler esercitare la prelazione debba configurarsi come una accettazione. In realtà, così configurati, i due atti porterebbero all'automatica conclusione del contratto, venendo tuttavia a pregiudicare il legittimo interesse del promittente "a verificare se anche il promissario fa proprie le condizioni cui è già disponibile un terzo, per decidere solo in un momento successivo seaddivenire o no alla stipulazione" (Gabrielli, voce Patto di prelazione, in Enc.giur.Treccani, vol.XXIII, 1990, p.5).
top1

Bibliografia

  • BONILINI, La prelazione volontaria, Milano, 1984
  • CATRICALA', Patto di preferenza, Enc.dir., XXXII, 1982
  • GABRIELLI, Patto di prelazione, Enc.giur.Treccani, XXIII, 1990

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

La dichiarazione di voler esercitare la prelazione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "La dichiarazione di voler esercitare la prelazione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto