Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

L.D.6 - Individuazione dei possessori di strumenti finanziari che danno diritto di voto legittimati ad esprimere il consenso


Massima

1° pubbl. 9/08

Individuazione dei possessori di strumenti finanziari che danno diritto di voto legittimati ad esprimere il consenso di cui all’art. 2506-ter, comma 4 cod. civ..
Nel procedimento di scissione (e per analogia in quello di fusione), per esonerare validamente l’organo amministrativo dalla redazione della situazione patrimoniale ex art. 2501-quater cod. civ. e dalla predisposizione della relazione illustrativa ex art. 2501-quinquies cod. civ., non è necessario il consenso di tutti i possessori di strumenti finanziari che diano un qualunque diritto di voto, come letteralmente proposto dall’art. 2506-ter, comma 4 cod. civ..
I possessori di strumenti finanziari legittimati a prestare il loro consenso sono esclusivamente quelli cui è attribuito uno specifico diritto di voto in ordine alle fusioni o scissioni, ovvero, un più ampio diritto di voto in ordine alle modifiche dell’atto costitutivo o statuto.
In tal senso è infatti interpretata la disposizione di cui all’art. 10 della VI Direttiva (82/891/CEE) della quale l’art. 2506-ter, comma 4 cod. civ. costituisce attuazione.

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

L.D.6 - Individuazione dei possessori di strumenti finanziari che danno diritto di voto legittimati ad esprimere il consenso
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "L.D.6 - Individuazione dei possessori di strumenti finanziari che danno diritto di voto legittimati ad esprimere il consenso"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto