Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

L.D.4 – Derogabilità a parte dei procedimenti di fusione o scissione nelle società con capitale non rappresentato da azioni


Massima

1° pubbl. 9/08

In virtù dell’applicazione diretta ed analogica delle disposizioni di cui agli artt. 2505-quater e 2506-ter cod. civ., nonché dei principi generali dell’ordinamento in ordine alla disponibilità dei diritti soggettivi (vedi orientamento L.D.3), nelle società con capitale non rappresentato da azioni è possibile con il consenso di tutti i soci, e di tutti gli eventuali altri soggetti aventi diritto di voto nella decisione di fusione o scissione (usufruttuari e titolari di pegno):
a) derogare ai termini di cui agli artt. 2501-ter e 2501-septies cod. civ.;
b) dispensare gli amministratori dalla redazione della situazione patrimoniale ex art. 2501-quater cod. civ. e dalla predisposizione della relazione illustrativa ex art. 2501-quinquies cod. civ.;
c) rinunciare alla relazione degli esperti ex art. 2501-sexies cod. civ..

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

L.D.4 – Derogabilità a parte dei procedimenti di fusione o scissione nelle società con capitale non rappresentato da azioni
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "L.D.4 – Derogabilità a parte dei procedimenti di fusione o scissione nelle società con capitale non rappresentato da azioni"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto