L'azione revocatoria ordinaria

L'art. 2901 cod.civ. prevede il rimedio generale dell'azione revocatoria. Se Tizio è creditore di Caio egli ha, con tutta evidenza, interesse a che quest'ultimo conservi una capienza patrimoniale idonea a garantire il pagamento del debito. Che cosa dire degli atti con i quali il debitore venga a diminuire il proprio patrimonio ovvero di quelli che convertano elementi dell'attivo costituiti da cespiti ben in vista e disponibili per eventuali azioni esecutive (diritti relativi ad immobili, beni mobili registrati, titoli azionari, etc.) in denaro o altri beni possano facilmente  essere sottratti all'esecuzione ?

E' chiaro che non è praticabile la via di un indiscriminato divieto per il debitore di compiere atti di disposizione del proprio patrimonio, pena un'inaccettabile diminuzione della libertà negoziale. Una cosa tuttavia è vendere un box o stipulare un mutuo per ristrutturare la propria abitazione, un'altra provvedere all'alienazione sistematica, anche se a titolo oneroso e per un prezzo corrispondente al valore di mercato del proprio patrimonio immobiliare fino al punto da mettere in pericolo il soddisfacimento dei propri creditori. Si badi al fatto che, nell'ipotesi di vendita al giusto prezzo, non viene in considerazione un atto di diminuzione della consistenza del patrimonio dell'alienante. La pericolosità di esso discende dalla eventuale agevole occultabilità nota1 del corrispettivo in denaro del trasferimento di un bene che, nel tempo in cui era nel patrimonio del debitore, costituiva comunque un cespite facilmente aggredibile con azioni esecutive.

Ebbene: il rimedio che la legge ha predisposto in questi casi è quello di dare azione nota2 al creditore affinchè sia dichiarato inefficace nei propri confronti, dunque inidoneo a deprivare il patrimonio del debitore, l'atto che presenti determinate caratteristiche.

Vengono a tal proposito in considerazione i seguenti requisiti:

a) la negoziazione deve essere qualificabile come atto di disposizione nota3, vale a dire un atto modificativo della situazione patrimoniale del debitore nel senso più sopra riferito (diminuzione senza corrispettivo: es. donazione ovvero alienazione di cespiti "alla luce del sole") nota4;

b) l'atto deve cagionare una diminuzione del patrimonio del debitore tale da far assumere ad esso una consistenza insufficiente a consentire l'adempimento di tutte le obbligazioni, il pagamento di tutti i debiti (c.d. eventus damni).

c) il tutto non basta ancora: occorre avere riguardo anche alla persona che contratta con il debitore (l'acquirente, il donatario, il permutante, il creditore nella datio in solutum, etc.). Infatti non sarebbe conforme ai principi generali in tema di tutela dell'affidamento dichiarare l'inefficacia dell'atto solo dopo avere accertata la sussistenza dei precitati requisiti oggettivi.

E' per questo motivo che la legge richiede anche la conoscenza da parte dell'altro contraente del pregiudizio che l'atto è idoneo a recare alle ragioni dei creditori (c.d. consilium fraudis ).

Questi presupposti verranno sottoposti a specifica disamina, come pure le questioni che si pongono in relazione ad alcune negoziazioni.

Note

nota1

Si vedano Vassalli, Sulla revoca della vendita a giusto prezzo, in Giur. comm., I, 1974, p.289 e ss.; Torrente-Schlesinger, Manuale di diritto privato, Milano, 1985, p.500.
top1

nota2

In dottrina vi è chi preferisce parlare di diritto potestativo ad esercizio processuale. Così Bianca, Diritto civile, vol. V, Milano, 1994, p.437.
top2

nota3

Tra gli altri, Barbero, Il sistema del diritto privato, Torino, 1993, p.652.
top3

nota4

Restano esclusi dall'azione revocatoria i c.d. "atti dovuti" in quanto "non dispositivi, ma espressione di una legale necessità". Cfr. Bigliazzi Geri, Breccia, Busnelli, Natoli, Istituzioni di diritto civile, Genova, 1979, p.131.  
top4

 

Bibliografia

  • BIANCA, Diritto civile, Milano, V, 1994
  • VASSALLI, Sulla revoca della vendita a giusto prezzo, Giur.comm., I, 1974

Vedi anche

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento