Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

L'oggetto del contratto di somministrazione




Dalla definizione che emerge dall'art.1559 cod.civ. l'oggetto del contratto di somministrazione può essere genericamente considerato nel mettere a disposizione del somministrato cose mobili o immobili.

La disamina che condurremo su tale aspetto non può prescindere dall'elaborazione sistematica in tema di contratto in genere (nonchè in materia di rapporto obbligatorio): distingueremo, pertanto, anche relativamente al contratto di somministrazione,  tra oggetto mediato ed oggetto immediato.

Con quest'ultima espressione si evocano le prestazioni dedotte nell'accordo, precisamente consistenti nel pagamento del corrispettivo da parte del somministrato e nell'esecuzione delle prestazioni continuative o periodiche da parte del somministrante. Con la locuzione "oggetto mediato" si allude invece all'oggetto ultimo, al bene della vita che costituisce a propria volta l'oggetto della prestazione del somministrante (determinate quantità di vettovaglie, l'erogazione di energia elettrica, etc.).

 

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

L'oggetto del contratto di somministrazione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "L'oggetto del contratto di somministrazione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto