Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

L'impresa sociale: nozione



Il D.Lgs. 24 marzo 2006, n.155 ha introdotto la figura dell'impresa sociale. Ai sensi dell'art.1 del provvedimento normativo "possono acquisire la qualifica di impresa sociale tutte le organizzazioni private, ivi compresi gli enti di cui al libro V del codice civile, che esercitano in via stabile e principale un'attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o servizi di utilità sociale, diretta a realizzare finalità di interesse generale, e che hanno i requisiti di cui agli artt. 2 , 3 e 4."
La norma palesa dunque un concetto fondamentale per lo studio della figura. Non si tratta di una nuova specie di entità soggettiva. Lo locuzione "impresa sociale" non descrive una nuova tipologia di soggetto. Essa viene a qualificare quelle società, associazioni (riconosciute o meno), fondazioni, comitati che abbiano ad esercitare un'attività di tipo economico in un ben determinato settore. Si tratta della produzione o dello scambio di beni o di servizi di utilità sociale, attività teleologicamente diretta alla realizzazione di scopi di interesse generale. Tale ambito oggettivo è meglio precisato nell'art. 2 D.Lgs. 24 marzo 2006, n.155, mentre il successivo art. 3 si preoccupa di specificare l'assenza di ogni finalità lucrativa.

Ai sensi del predetto art. 2 si con siderano beni e servizi di utilità sociale quelli prodotti o scambiati nei seguenti settori:
a) assistenza sociale, ai sensi della Legge 8 novembre 2000, n. 328, recante legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali;
b) assistenza sanitaria, per l'erogazione delle prestazioni di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 29 novembre 2001, recante "Definizione dei livelli essenziali di assistenza", e successive modificazioni, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 33 dell'08 febbraio 2002;
c) assistenza socio-sanitaria, ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 14 febbraio 2001, recante "Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 129 del 6 giugno 2001;
d) educazione, istruzione e formazione, ai sensi della Legge 28 marzo 2003, n. 53, recante delega al Governo per la definizione delle norme generali sull'istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e formazione professionale;
e) tutela dell'ambiente e dell'ecosistema, ai sensi della Legge 15 dicembre 2004, n. 308, recante delega al Governo per il riordino, il coordinamento e l'integrazione della legislazione in materia ambientale e misure di diretta applicazione, con esclusione delle attività, esercitate abitualmente, di raccolta e riciclaggio dei rifiuti urbani, speciali e pericolosi;
f) valorizzazione del patrimonio culturale, ai sensi del Codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42;
g) turismo sociale, di cui all'articolo 7, X comma, della Legge 29 marzo 2001, n. 135, recante riforma della legislazione nazionale del turismo;
h) formazione universitaria e post-universitaria;
i) ricerca ed erogazione di servizi culturali;
l) formazione extra-scolastica, finalizzata alla prevenzione della dispersione scolastica ed al successo scolastico e formativo;
m) servizi strumentali alle imprese sociali, resi da enti composti in misura superiore al settanta per cento da organizzazioni che esercitano un'impresa sociale.

Il II comma della norma in considerazione amplia (in misura pressochè indifferenziata e del tutto indipendente rispetto all'ambito appena descritto) infine il novero delle attività che possono essere esercitate dall'impresa sociale in riferimento all'impiego di lavoratori svantaggiati e disabili.

Il III comma dello stesso art. 2 D.Lgs.. cit., precisa inoltre la nozione di "attività principale". Per attività principale deve intendersi quella per la quale i relativi ricavi sono superiori al settanta per cento dei ricavi complessivi dell'organizzazione che esercita l'impresa sociale.

Come già detto, l'impresa sociale è connotata dall'assenza della finalità lucrativa. L'art.3 del D.Lgs. 24 marzo 2006, n.155 è espressamente dedicato a questo aspetto. Ai sensi del I comma della detta norma " L 'organizzazione che esercita un'impresa sociale destina gli utili e gli avanzi di gestione allo svolgimento dell'attività statutaria o ad incremento del patrimonio". Per tale motivo "è vietata la distribuzione, anche in forma indiretta, di utili e avanzi di gestione, comunque denominati, nonchè fondi e riserve in favore di amministratori, soci, partecipanti, lavoratori o collaboratori."

Non basta: la norma si occupa di precisare anche alcune operazioni che sono considerate alla stregua di un'indiretta distribuzione di utili. Si tratta delle seguenti:
a) la corresponsione agli amministratori di compensi superiori a quelli previsti nelle imprese che operano nei medesimi o analoghi settori e condizioni, salvo comprovate esigenze attinenti alla necessità di acquisire specifiche competenze ed, in ogni caso, con un incremento massimo del venti per cento;
b) la corresponsione ai lavoratori subordinati o autonomi di retribuzioni o compensi superiori a quelli previsti dai contratti o accordi collettivi per le medesime qualifiche, salvo comprovate esigenze attinenti alla necessità di acquisire specifiche professionalità;
c) la remunerazione degli strumenti finanziari diversi dalle azioni o quote, a soggetti diversi dalle banche e agli intermediari finanziari autorizzati, superiori di cinque punti percentuali al tasso ufficiale di riferimento.

Il II comma dell'art.1 D.Lgs. 24 marzo 2006, n.155 contiene anche una prescrizione d'ordine negativo, precisando che l e amministrazioni pubbliche di cui all'art. 1, II comma, D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, e le organizzazioni i cui atti costitutivi limitino, anche indirettamente, l'erogazione dei beni e dei servizi in favore dei soli soci, associati o partecipi non acquisiscono la qualifica di impresa sociale.

Per quanto attiene agli enti ecclesiastici e agli enti delle confessioni religiose con le quali lo Stato ha stipulato patti, accordi o intese, l'applicabilità delle speciali norme dettate in tema di impresa sociale è subordinata alla condizione che, per tali attività, le stesse adottino un regolamento, in forma di scrittura privata autenticata, che recepisca le norme del decreto. Tale regolamento deve contenere i requisiti che sono richiesti dal presente decreto per gli atti costitutivi. Difficoltà presenta questo riferimento alla forma della semplice scrittura privata autenticata se posto in relazione al ben più rigoroso aspetto formale dell' atto pubblico richiesto, sia pure ai fini della costituzione dell'impresa sociale, dall'art. 5 D.Lgs. 24 marzo 2006, n.155.

Prassi collegate


News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

L'impresa sociale: nozione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "L'impresa sociale: nozione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto