Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

L'aspetto soggettivo nella sostituzione fedecommissaria



Istituito e sostituito sono i protagonisti della sostituzione fedecommissaria. Il primo è immediatamente delato all'apertura della successione dell'ereditando. Il secondo vi subentra soltanto in esito alla morte dell'istituito e subordinatamente alla premorienza di costui nota1. Nell'esame che segue assumeremo separatamente in considerazione la posizione giuridica di ciascuno di essi, con particolare riferimento ai poteri ed agli obblighi facenti loro capo.

nota1

Note

nota1

Si tratta cioè di un caso di delazione successiva: Cicu, Testamento, Milano, 1951, p.59; Burdese, Le successioni. Parte generale, in Tratt. dir.civ.it., diretto da Vassalli, vol.XII, Torino, 1977, p.177; Ferri, Successioni in generale (Artt.512-535), in Comm.cod.civ., a cura di Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1968, p.176.
top1

Bibliografia

  • BURDESE, Le successioni.Parte generale, Torino, Tratt. dir.civ. diretto da Vassalli, 1977
  • CICU, Testamento, Milano, 1951

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

L'aspetto soggettivo nella sostituzione fedecommissaria
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "L'aspetto soggettivo nella sostituzione fedecommissaria"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto