Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

L'accettazione (retratto successorio)



Con l' accettazione il coerede esercita il diritto di prelazione che la legge (art. 732 cod.civ. ) gli attribuisce in riferimento alla proposta comunicatagli da colui che intende cedere la propria quota di eredità.

E' pacifico che si tratti di un'accettazione in senso proprio, afferente cioè ad una proposta contrattuale nota1 . Si farà pertanto applicazione di tutte le norme relative allo scambio degli atti prenegoziali, con speciale riferimento all'art. 1335 cod.civ. (recettizietà).

L'art. 732 cod.civ. prevede a questo fine un termine decadenziale di due mesi a far tempo dalla data di notificazione dell'accettazione nota2. Se si tratta di più coeredi il dies a quo decorre dall'ultima delle notificazioni.

Che cosa accade nell'ipotesi in cui soltanto uno dei coeredi eserciti il proprio diritto?

Giova a questo proposito osservare che il riscatto compete a ciascun coerede singolarmente (Cass.Civ. Sez.III, 246/83 ) : pertanto è sufficiente che uno solo di essi dichiari di voler acquisire l'intera quota in vendita.

Qualora, all'inverso, più coeredi vogliano esercitare il diritto di riscatto, si reputa che la quota debba essere divisa tra tutti in parti eguali nota3 .

Note

nota1

Capozzi, Successioni e donazioni, vol. II, Milano, 1982, p. 752; Cesaro, in Comm.cod.civ., a cura di Cendon, vol. IV, Torino, 1999, p. 499.
top1

nota2

Tale termine decadenziale è posto dal legislatore a tutela della libertà contrattuale delle parti, affinchè non sia vincolata per un lungo o indeterminato periodo di tempo: Tamburrino, I vincoli unilaterali nella formazione progressiva del contratto, Milano, 1991, p. 138.
top2

nota3

Durante, voce Retratto successorio, in Enc.giur.Treccani, p.4, Loi, voce Retratto, in Enc.dir., p.30 e Burdese, La divisione, in Tratt.dir.civ.it., diretto da Vassalli, Torino, 1980, p.65.
top3

Bibliografia

  • BURDESE, Della divisione ereditaria, Trattato Vassalli, XII, 1982
  • CAPOZZI, Successioni e donazioni, Milano, II, 1982
  • CESARO, Torino, Comm.cod.civ. dir. Cendon, IV, 1999
  • DURANTE, Prelazione e riscatto, III, retratto successorio, Enc. giur. Treccani
  • LOI, Retratto, Enc. Dir., 1985
  • TAMBURRINO, I vincoli unilaterali nella formazione progressiva del contratto, Milano, 1991

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

L'accettazione (retratto successorio)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "L'accettazione (retratto successorio)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto