Invalidità della trasformazione ed eventuale opposizione dei creditori sociali

L'art. 2500 bis cod. civ. ha introdotto all'esito della riforma del 2003 una cospicua novità, disciplinando l'invalidità della trasformazione.

In particolare la norma prevede che, eseguita la pubblicità prevista dal III comma dell'art. 2500 cod. civ., l'invalidità dell'atto di trasformazione non possa essere pronunciata.

La norma in commento, sulla scia di quanto disposto in tema di fusione (art. 2504 quater cod. civ.), tende dunque a privilegiare la certezza dei rapporti instaurati con i soggetti terzi, salvaguardando in ogni caso il diritto di eventuali aventi causa della società trasformata. Il II comma dell'art. 2500 bis cod. civ. dispone infatti che resta salvo il diritto al risarcimento del danno eventualmente spettante ai partecipanti all'ente trasformato ed ai terzi danneggiati dalla trasformazione.

E' stata infine introdotta una particolare cautela a vantaggio dei creditori delle società partecipanti ad una trasformazione eterogenea. Il legislatore del 2003 ha infatti inteso garantire maggiore tutela a questi ultimi disponendo che, in deroga a quanto disposto dal III comma dell'art. 2500 cod. civ. (secondo cui la trasformazione ha effetto dall'ultimo degli adempimenti pubblicitari prescritti ex lege) la trasformazione eterogenea ha effetto dopo sessanta giorni dall'ultimo degli adempimenti pubblicitari previsti dallo stesso articolo, salvo che consti il consenso dei creditori o il pagamento dei creditori che non hanno dato il consenso.

Ai sensi dell'art. 2500 novies cod. civ., dunque, i creditori possono nel suddetto termine di sessanta giorni fare opposizione all'operazione di trasformazione. Il tribunale, tuttavia ai sensi dell'art. 2445 cod. civ., qualora ritenga infondato il pericolo di pregiudizio per i creditori, ovvero sia stata prestata idonea garanzia, può disporre, nonostante l'opposizione, che la trasformazione abbia luogo egualmente.

Prassi collegate

  • Quesito n. 170-2009/I, Scissione di S.p.A. e modificazione dei prestiti obbligazionari
  • Quesito n. 189-2009/I, Trasformazione di s.r.l. consortile in s.p.a. e opposizione dei creditori sociali ex art. 2500-novies cc
  • Quesito n. 220-2009/I, Obbligazioni emesse anteriormente al 1 gennaio 2004: disciplina applicabile e svincolo della garanzia ipotecaria

News collegate

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Invalidità della trasformazione ed eventuale opposizione dei creditori sociali
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Invalidità della trasformazione ed eventuale opposizione dei creditori sociali"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto

Accetto