Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Intervento nella divisione e opposizione



E' possibile da un lato che tra i contitolari del bene in comunione vi sia qualcuno gravato da debiti, dall'altro che sia stata fatta alienazione del diritto, sia pure pro quota.

L'art. 1113 cod.civ. si occupa appunto del problema della tutela dei creditori dei singoli contitolari e degli aventi causa da costoro.

Viene disposto che tanto i creditori, quanto gli aventi causa dal singolo partecipe, possano intervenire alla divisione a proprie spese, pur non potendo impugnarla quando sia già stata stipulata, a meno che non avessero anteriormente notificato la propria opposizione. E' fatto comunque salvo il diritto di esercitare l'azione revocatoria (art. 2901 cod.civ. ) o quella surrogatoria (art. 2900 cod.civ. ).

L'opposizione, che consiste in un atto stragiudiziale in forza del quale viene manifestata da parte dei riferiti soggetti la propria avversione alla divisione, si differenzia dall'impugnazione, che si traduce invece in un'iniziativa di carattere giudiziale consistente nella citazione di tutti i contitolari. La seconda è assumibile in quanto sia stata preceduta dalla prima nota1.

L'opportunità di proporre opposizione si potrebbe palesare nel caso in cui il condividente debitore fosse attributario, all'esito dell'atto divisionale (magari fraudolentemente), di beni di un valore minore rispetto a quello corrispondente alla quota di diritto spettantegli nota2.

Qualora la divisione abbia ad oggetto beni immobili, ai fini dell'efficacia dell'opposizione, viene richiesta la trascrizione di essa anteriormente a quella dell'atto divisionale ovvero della domanda giudiziale.

Se si tratta di creditori iscritti (ipotecari), essi devono essere chiamati ad intervenire: diversamente, la divisione non può sortire effetto nei loro confronti ai sensi del III comma della norma in esame.

Con riferimento agli aventi causa di cui al III comma della norma in esame, è appena il caso di rilevare la necessità logica che essi siano chiamati in giudizio: si tratta infatti dei soggetti che sono divenuti contitolari dei beni, avendo acquistato da uno dei condividenti i diritti da costui vantati pro quota sui beni comuni nota3. Il punto è comunque disputato e verrà sottoposto, proprio perciò, a speciale disamina.

Quando si tratta di immobili, occorre la priorità della trascrizione dell'acquisto a favore dei detti terzi rispetto alla trascrizione della divisione negoziale ovvero della domanda giudiziale intesa ad ottenerla (Cass.Civ., 8315/90 ; Cass.Civ. Sez.II, 2364/81 ) nota4.

Ai sensi del IV comma dell'art. 1113 cod.civ. nessuna ragione di prelevamento in natura per crediti nascenti dalla comunione può opporsi contro le persone indicate dal comma precedente, eccetto quelle nascenti da titolo anteriore alla comunione medesima, ovvero da collazione nota5.

Note

nota1

Così Marino-Scozzafava, in Comm. cod. civ., diretto da Cendon, vol. III, Torino, 1997, p.505; Bianca, Diritto civile, vol. VI, Milano, 1999, p.495.
top1

nota2

V. Dossetto, voce Comunione (dir. civ.), in N.mo Dig. it., pp.860 e ss..
top2

nota3

Si confrontino Capozzi, Successioni e donazioni, Milano, 1982, p.699; De Cesare-Gaeta, La comunione e la divisione ereditaria, in Successioni e donazioni, a cura di Rescigno, vol. II, Padova, 1994, p.17.
top3

nota4

Tra gli altri Gazzoni, Manuale di diritto privato, Napoli, 1996, p.291.
top4

nota5

Si veda Branca, La comunione, in Comm.cod.civ., a cura di Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1982, p.319.
top5

Bibliografia

  • BIANCA, Diritto Civile, Milano, VI, 1999
  • BRANCA, Comunione, condomimio negli edifici (Artt. 1100-1139), Bologna-Roma, Comm. cod. civ. a cura di Scialoja-Branca, 1982
  • CAPOZZI, Successioni e donazioni, Milano, II, 1982
  • DE CESARE-GAETA, La comunione e la divisione ereditaria, le ipotesi divisionali, Padova, Successioni e donazioni a cura di Rescigno , vol. II, 1994
  • DOSSETTO, Comunione, Padova, N.sso Dig. it., III, 1959
  • GAZZONI, Manuale di diritto privato, Napoli, 2006
  • MARINO SCOZZAFAVA, Torino, Comm.cod.civ.dir. da Cendon, III, 1997

Prassi collegate

  • Quesito n. 377-2012/C, La riduzione di ipoteca ad una quota astratta: una controversa fattispecie concreta

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Intervento nella divisione e opposizione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Intervento nella divisione e opposizione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto