Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Interessi corrispettivi



Il I comma dell'art. 1282 cod.civ. stabilisce che, indipendentemente da qualsiasi specifico accordo tra creditore e debitore, i crediti liquidi ed esigibili di somme di danaro producono interessi di pieno diritto, cioè impongono al debitore di versare un supplemento relativamente al capitale, calcolato in misura percentuale rispetto a quest'ultimo con scadenza periodica, salvo che la legge o il titolo stabiliscano diversamente (Cass. Civ. Sez. II, 3482/81 ; Cass. Civ. Sez. III, 13508/91 ).

Gli interpreti definiscono gli interessi previsti dalla norma in esame, la quale tuttavia non utilizza nessuna particolare espressione per designarli, come corrispettivi proprio per sottolineare che essi risultano dovuti di per sé, a causa cioè della naturale fertilità del denaro nota1, la cui disponibilità nelle mani di un soggetto deve essere riequilibrata per il tramite dell'attribuzione di una somma di denaro percentualmente stabilita in base all'entità del capitale ed al tempo di permanenza di esso nelle mani del debitore.

A questo fine è sufficiente che il credito sia liquido, vale a dire di entità determinata o determinabile per il tramite di semplici operazioni contabili, nonché esigibile nota2 .

Note

nota1

In tal senso Zaccaria, in Comm. breve al cod. civ., a cura di Cian-Trabucchi, Padova, 1984, p. 863; Breccia, Le obbligazioni, in Tratt. dir. priv., a cura di Iudica e Zatti, Milano, 1991, p. 319.
top1

nota2

Analogamente Bianca, Diritto civile, vol. IV, Milano, 1998, pp. 183-184. Alcuni interpreti ritengono che l'articolo in esame si applichi anche quando il credito sia di pronta e facile liquidazione : v. p.es. Libertini, voce Interessi, in Enc. dir., vol. XXII, 1972, p. 105. Si esclude invece la liquidità quando il credito, pur essendo predeterminato in un minimo e in un massimo, richiede un'operazione, tecnica o discrezionale intesa alla esatta determinazione dell'ammontare: Libertini, in Comm. cod. civ., dir. da Cendon, vol. IV, Torino, 1999, p. 331.
top2

Bibliografia

  • LIBERTINI, Interessi, Enc.dir., XXII, 1972
  • ZACCARIA, Padova, Comm. breve cod.civ. di Cian-Trabucchi, 1984

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Interessi corrispettivi
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Interessi corrispettivi"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto