Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Insegna



L'insegna (art. 2568 cod.civ.) è un bene immateriale (che come tale si distingue dal supporto materiale che ne consente l'esibizione esteriore) funzionale all'individuazione dei locali dell'impresa nota1. Essa può essere variamente formata con parole, segni ed immagini liberamente scelti.

L'insegna non corrisponde ad un segno distintivo necessario, potendo identificarsi con la ditta. Nel caso in cui essa possieda valenza autonoma rispetto a quest'ultima, deve essere diversa da quella utilizzata da altra impresa concorrente: se al contrario fosse eguale o simile, ciò comporterebbe l'applicabilità della disciplina prevista dal I comma dell'art. 2564 cod.civ. concernente l'obbligo di differenziazione(Cass. Civ. Sez. I, 2423/92) nota2.

Occorre in ogni caso notare come l'insegna possa essere oggetto di una valutazione autonoma rispetto a quella che concerne il marchio. Quest'ultimo può essere utilizzato come insegna e come ditta, munito di indicazioni idonee a differenziarlo. Il cognome dell'imprenditore, invece, anche quando l'imprenditore concorrente che ha un analogo cognome possa vantare un diritto prioritario, gli può valere l'esclusiva con riferimento al marchio (Cass. Civ. Sez. I, 4481/78).

La legge non dispone nulla circa l'eventuale trasferimento dell'insegna. All'opinione secondo la quale essa sarebbe cedibile soltanto unitamente all'azienda nota3, si contrappone il parere favorevole alla possibilità di un'applicazione analogica della disciplina in tema di marchio: si pensi nella pratica alle insegne relative a punti vendita in franchising nota4.

Note

nota1

V. Auteri, Insegna, in Enc. giur. Treccani, pp.1 e ss..
top1

nota2

Cfr. Mangini, Il marchio e gli altri segni distintivi, in Tratt. dir. comm. e dir. pubbl. dell'economia, diretto da Galgano, Padova, 1982, pp.376 e ss..
top2

nota3

Così p.es. Vanzetti-Di Cataldo, Manuale di diritto industriale, Milano, 1996, p.285.
top3

nota4

Si vedano, tra gli altri, Campobasso, Diritto commerciale, vol. I, Torino, 1997, p.193; Bussani, I contratti nuovi- Leasing, Factoring, Franchising, Milano, 1989, p.392. L'insegna infatti identifica pur sempre elementi materiali (quali locali ed azienda) e non la persona dell'imprenditore.
top4

Bibliografia

  • AUTERI, voce Insegna, Enc. giur. Treccani
  • BUSSANI, I contratti nuovi: casi e materiali di dottrina e giurisprudenza: leasing, factoring, franchising, Milano, 1989
  • MANGINI, Il marchio e gli altri segni distintivi, Padova, Tratt. di dir.comm. e dir. pubbl. ec. dir. Galgano, vol. XXII, 1982
  • VANZETTI-DI CATALDO, Manuale di diritto industriale, Milano, 1996

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Insegna
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Insegna"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto