Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Inesistenza del testamento



L'inesistenza è categoria creata dagli interpreti allo scopo di designare quelle così gravi alterazioni dell'atto da non consentirne la riconoscibilità come tale. Essa corrisponderebbe ad un vizio più grave rispetto alla nullità, escludendo anche la produzione di quegli effetti indiretti che la legge talvolta collega all'atto, ancorchè nullo nota1 . Nel campo testamentario questi concetti assumono una speciale pregnanza: la conferma delle disposizioni testamentarie nulle di cui all'art. 590 cod. civ. infatti non potrebbe valere a sanare un testamento inesistente nota2.

Quali sono le ipotesi in cui il negozio testamentario può dirsi affetto da una così grave difetto? Si pensi al testamento falsificato, a quello che sia il risultato di una violenza assoluta (che come tale non sarebbe riconducibile al disponente), al testamento redatto per scherzo o nell'ambito di una manifestazione teatrale.

Al di là di questi esempi, dal sapore in qualche misura scolastico, sono prospettabili casi dubbi: che cosa dire infatti del testamento nuncupativo, privo della forma scritta? A fronte dell'opinione di chi reputa comunque esistente una volontà intesa a disporre per il tempo in cui il testatore avrà cessato di vivere si pone quella di chi rileva come una volontà testamentaria orale, non consacrata in uno scritto, sia del tutto evanescente. Come impedire d'altronde che si dia la prova che, in un tempo successivo, il disponente non abbia revocato, sempre verbalmente, le proprie precedenti volontà?

Note

nota1

Santoro-Passarelli, Dottrine generali del diritto civile, Napoli, 1997, p.242 e Betti, Teoria generale del negozio giuridico, rist., Napoli, 1994, p.468.
top1

 

nota2

Azzariti, Le successioni e le donazioni, Padova, 1982, p.579; Cicu, Il testamento, Milano, 1951, p.29.
top2

 

Bibliografia

  • AZZARITI, Le successioni e le donazioni: Libro secondo del Codice Civile, Padova, 1982
  • BETTI, Teoria generale del negozio giuridico, Napoli, 1994
  • CICU, Testamento, Milano, 1951
  • SANTORO PASSARELLI, Dottrine generali del diritto civile, Napoli, 2002

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Inesistenza del testamento
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Inesistenza del testamento"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto