Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Inefficacia del legato




La disposizione mortis causa a titolo particolare può in concreto non sortire effetto. Al riguardo è possibile distinguere tra un'inefficacia scaturente dalla revoca del legato (ciò che si traduce nell'eliminazione della disposizione testamentaria portante il lascito) nota1 ed un'inefficacia derivante da cause connesse al peculiare oggetto della disposizione ovvero dall'atteggiamento soggettivo del beneficiato.

Sotto quest'ultimo profilo assumeremo in considerazione da un lato il perimento del bene legato (ovvero l'impossibilità sopravvenuta di effettuare la prestazione da parte dell'onerato), dall'altro la rinunzia del legatario (meglio qualificabile come rifiuto).

nota1

Note

nota1

Secondo un'opinione tra le cause di inefficacia del legato non si potrebbe annoverare la revoca del medesimo (Capozzi, Successioni e donazioni, Milano, 2002, p.633). E' ben vero che la revoca, in quanto tale, può avere attinenza con ogni disposizione testamentaria. E' altresì vero che essa ha quale termine di riferimento l'atto e non gli effetti dello stesso (pur se occorre rilevare l'ambiguità semantica del linguaggio comune, che utilizza il termine "legato" sia per designare la disposizione a titolo particolare, sia per indicarne l'oggetto). Il punto è tuttavia un altro: prescindendo dalla considerazione della revoca espressa, in tema di legato la legge prevede due distinte ipotesi (la trasformazione e l'alienazione della cosa legata di cui all'art.686 cod.civ.) di revoca tacita nelle quali l'effetto eliminativo della disposizione viene raggiunto, per così dire, in via riflessa, in relazione cioè ad un atto di disposizione che ha per oggetto direttamente la cosa legata. La revoca della disposizione è l'esito interpretativo della valutazione di un comportamento riguardante direttamente l'oggetto del legato. Per tale motivo la relativa fattispecie sembra possa a buon titolo venire ambientata nella tematica in esame. Si aggiunga la considerazione della problematica relazione tra il modo di disporre dell'art.654 cod.civ. (che disciplina l'ipotesi della cosa legata non più esistente nell'asse) e quello di cui agli artt. 651 e 686 cod.civ.. Salvi gli approfondimenti che verranno condotti esaminando le predette norme, quando si tratta di fatti riconducibili alla volontà del disponente ci si può interrogare circa i limiti di operatività del legato, anche sotto il profilo dell'eventuale intento implicito di revocare il medesimo.
top1

nota

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Inefficacia del legato
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Inefficacia del legato"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto