Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Impossibilità sopravvenuta ed obbligazioni solidali



Nelle obbligazioni solidali la sopravvenuta impossibilità dell'adempimento dipendente da una causa imputabile a uno o più coobbli­gati impedisce l'estinzione dell'obbligazione anche rispetto agli altri.

Ai sensi dell'art. 1307 cod.civ. gli obbligati in via solidale, i quali pure non abbiano cagionato l'impossibilità dell'adempimento, non sono liberati dall'obbligo solidale di corrispondere il valore della prestazione dovuta.

Si verifica a questo proposito una conversione dell'ob­bligazione afferente alla prestazione originaria nell'obbligazione risarcitoria che ha per oggetto l'equivalente del valore della prima. Ciò non toglie che il creditore possa chiedere il risarcimento dell'ulteriore pregiudizio, tuttavia soltanto nei confronti di coloro cui sia imputabile la causa della sopravvenuta impossibilità nota1 .

Note

nota1

In tal senso Rubino , Obbligazioni alternative. Obbligazioni in solido. Obbligazioni divisibili e indivisibili, in Comm.cod.civ., a cura diScialoja-Branca, Bologna-Roma, 1968, p. 300, il quale precisa che, poichè la colpa è un fatto strettamente personale, non è comunicabile agli altri consorti.
top1

Bibliografia

  • RUBINO, Obbligazioni alternative, obbligazioni in solido, obbligazioni divisibili e indivisibili, Bologna - Roma, Comm.cod.civ. Scialoja - Branca, 1963

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Impossibilità sopravvenuta ed obbligazioni solidali
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Impossibilità sopravvenuta ed obbligazioni solidali"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto