Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Il trasporto multimodale



La figura dello spedizioniere-vettore di cui all'art.1741 cod.civ.  si specifica con riferimento a quella di operatore di trasporto multimodale (M.T.O.:  multimodal transport operator). Il trasporto multimodale consiste propriamente in quel trasporto che si estrinseca  in una pluralità di fasi, per lo più eseguite con l'ausilio di mezzi di trasporto diversi (es.: via aereo, nave e ferrovia).

L'elemento specifico consiste nel fatto che lo spedizioniere è per lo più anche vettore, ma limitatamente ad una sola tratta del viaggio che deve essere effettuato fino alla consegna. Per le altre tratte egli si avvale dell'operato di altri vettori, i quali a propria volta gli affidano, per la tratta nella quale opera, le merci da trasportare. Nell'ambito del commercio mondiale la fattispecie ha assunto una notevole rilevanza pratica. La materia è stata disciplinata uniformemente dalla Convenzione internazionale di Ginevra del 23 maggio 1980, tuttora non entrata in vigore per mancanza del numero minimo di ratifiche necessarie nota1.

Note

nota1

Sapia, Le problematiche del trasporto multimodale in un "giornata di studio" a Milano, in  Rivista Giuridica della Circolazione e dei Trasporti,  A.C.I., 1996, p.283.
top1

Bibliografia

  • SAPIA, Le problematiche del trasporto multimodale in un "giornata di studio" a Milano, Riv.giur.Circolazione e trasporti, 1996

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Il trasporto multimodale
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Il trasporto multimodale"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto