Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Il sistema di amministrazione classico (società per azioni)



L'art. 2380 bis cod.civ. recita: "la gestione dell'impresa spetta esclusivamente agli amministratori, i quali compiono le operazioni necessarie per l'attuazione dell'oggetto sociale. L'amministrazione della società può essere affidata anche a non soci. Quando l'amministrazione è affidata a più persone, queste costituiscono il consiglio di amministrazione. Se lo statuto non stabilisce il numero degli amministratori, ma ne indica solamente un numero massimo e minimo, la determinazione spetta all'assemblea. Il consiglio di amministrazione sceglie tra i suoi componenti il presidente, se questi non è nominato dall'assemblea".

Come appare evidente dalla lettura del predetto articolo, la gestione sociale spetta unicamente all'organo amministrativo. In tale definizione rientrano in realtà diverse categorie di poteri attribuibili agli amministratori, identificabili come segue:
  • potere di gestione;
  • potere di rappresentanza;
  • potere di iniziativa e di organizzazione dell'impresa;
  • potere esecutivo.

Nel corso dell'esame che segue tali aspetti verranno assunti in separata considerazione.

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Il sistema di amministrazione classico (società per azioni)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Il sistema di amministrazione classico (società per azioni)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto