Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Il risarcimento del danno



Il risarcimento del danno consiste nella compensazione di esso effettuata per il tramite di una somma di denaro (risarcimento per equivalente) ovvero nella eliminazione diretta del pregiudizio (risarcimento in forma specifica) che scaturisce dall'illecito nota1.

L'art. 1218 cod.civ. prevede l'obbligo del risarcimento del danno per il debitore che non esegue esattamente la prestazione dovuta, a meno che egli non provi che l'inadempimento o il ritardo dipendono da causa a lui non imputabile.

Il risarcimento del danno è connesso, in tema di rapporto obbligatorio, sia all'inesatto adempimento o al ritardo, situazioni in cui esso si accompagna all'esecuzione della prestazione inesatta o tardiva, sia all'inadempimento definitivo. In quest'ultima ipotesi l'obbligazione risarcitoria si sostituisce a quella originariamente pattuitanota2 . La locuzione perpetuatio obligationis intende evocare proprio il fenomeno della permanenza del medesimo rapporto obbligatorio in relazione al quale si determina la modificazione del suo oggetto: non più la prestazione originaria, divenuta impossibile, bensì il risarcimento del danno. Poiché la primitiva obbligazione permane in vita, analogamente permangono intatte le garanzie accessorie nonchè, qualora la fonte del rapporto debba rinvenirsi in un contratto a prestazioni corrispettive, il correlativo diritto alla controprestazionenota3 .

La caducazione del congegno negoziale all'esito dell'attivazione dei rimedi specifici (risoluzione per inadempimento) può determinare l'estinzione anche dell'obbligazione risarcitoria, a meno che essa rinvenga il proprio titolo non già nel contratto, bensì nella pronunzia giudiziale che autonomamente preveda il relativo diritto a favore di una delle parti.

Note

nota1

Gazzoni, Manuale di diritto privato, Napoli, 1996, p.612.
top1

nota2

Bigliazzi Geri, Natoli, Breccia, Istituzioni di diritto civile, Genova, 1980, p.146.

 
top2

nota3

Bianca, Diritto civile, vol.V, Milano, 1994, p.112.
top3

 

Bibliografia

  • BIANCA, Diritto civile, Milano, V, 1994
  • GAZZONI, Manuale di diritto privato, Napoli, 2006

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Il risarcimento del danno
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Il risarcimento del danno"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto