Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Il rifiuto



Con il termine rifiuto la dottrina ha enucleato il concetto di un atto dismissivo per il cui tramite si determina la risoluzione di una acquisizione già perfezionata, sia pure in modo non stabile e definitivo, producendosi l'eliminazione retroattiva degli effetti di essa nota1.

Come tale, il rifiuto si differenzia dalla rinunzia: quest'ultima infatti determina l'estinzione di una situazione giuridica soggettiva già esistente nel patrimonio del rinunziante, ferma restando la permanenza del diritto per il tempo anteriore all'atto abdicativo. Gli effetti della rinunzia non sono cioè retroattivi né riguardano un diritto soltanto precariamente entrato nella sfera giuridica del rinunziante nota2.

Una volta così delineato il concetto e la consistenza del rifiuto, la nozione è di utilità proprio allo scopo di designare il meccanismo giuridico di estinzione del diritto peculiare di alcune fattispecie normativamente previste.

Si pensi alla remissione del debito di cui all'art. 1236 cod.civ. .L'atto con il quale il debitore può respingere il beneficio consistente nell'estinzione del proprio debito è qualificabile propriamente come rifiuto. Secondo l'opinione prevalente, in esito alla remissione il diritto di credito si estingue, salva l'eliminazione retroattiva dell'efficacia estintiva che seguirebbe all'eventuale rifiuto del debitore nota3.

Come rifiuto può essere costruita la dichiarazione del terzo che respinga l'attribuzione che lo avvantaggia ai sensi dell'art. 1411 cod.civ. , in esito cioè ad una stipulazione a favore di terzonota4.

La stessa cosa si può dire per quanto riguarda la rinunzia al legato: essa, infatti, si pone come eliminazione retroattiva di un diritto già acquisto, seppure provvisoriamente, in relazione all'automatica efficacia acquisitiva di cui all'art. 649 cod.civ. . nota5.

Note

nota1

Cfr.Moscarini, I negozi a favore di terzo, Milano, 1970, p.150.
top1

nota2

Moscarini, voce Rinunzia, in Enc.Giur.Treccani, p.4.
top2

nota3

Tilocca, La remissione del debito, Padova, 1955, p.108.
top3

nota4

Gazzoni , Manuale di diritto privato, Napoli, 1996, p.815.
top4

nota5

Moscarini, cit., p.4.
top5

Bibliografia

  • GAZZONI, Manuale di diritto privato, Napoli, 2006
  • MACIOCE, voce Rinunzia, Enc. giur.
  • MOSCARINI, I negozi a favore di terzo, Milano, 1970
  • TILOCCA, La remissione del debito, Padova, 1955

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Il rifiuto
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Il rifiuto"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto