Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Il reato del commesso (responsabilità dei padroni e dei committenti)




In coerenza con l'ampia nozione di "collegamento" tra illecito e mansioni, la giurisprudenza ritiene che il nesso di occasionalità necessaria non venga meno neppure quando il commesso, nell'eccedere dalle mansioni, abbia agito con dolo, consumando un illecito penale. Si pensi al caso della guardia giurata dipendente di un istituto di vigilanza segnala ad un complice le assenze degli occupanti delle ville affidate alla vigilanza dell'istituto indicandogli l'ora in cui commettere i furti con tutta sicurezza (cfr. Cass. Pen. Sez. II, 17/03/1988 ). Altro esempio: il proprietario di una villa incarica il giardiniere di procurarsi alcune piante di leccio da trapiantare nel giardino ed il giardiniere le asporta illecitamente sradicandole da un terreno limitrofo.

In entrambi i casi, è stata affermata la responsabilità del committente ai sensi dell'art. 2049 cod. civ. . Se il dolo può valere ad interrompere il nesso di causalità tra incarico e danno, tuttavia non vale ad escludere il nesso logico di occasionalità necessaria, perché è stata proprio l'incombenza oggetto della preposizione a determinare la situazione che ha reso possibile il compimento del reato.

In definitiva, il nesso di occasionalità e, quindi, la responsabilità del committente, dev'essere esclusa soltanto quanto il comportamento del preposto sia imputabile soltanto alla sua attività privata e finalizzato a conseguire obiettivi del tutto estranei a quelli del preponente.

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Il reato del commesso (responsabilità dei padroni e dei committenti)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Il reato del commesso (responsabilità dei padroni e dei committenti)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto