Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Il patrimonio autonomo



Si parla di patrimonio autonomo per evidenziare l'attribuzione di cespiti e rapporti che fanno capo ad un nuovo soggetto (associazioni non riconosciute, comitati, società), indipendentemente dall'esistenza di personalità giuridica di questo nota1. Se un soggetto conferisce beni o attività in una società o in un'associazione, questi elementi cessano di appartenergli in quanto trasferiti nel patrimonio di un soggetto ulteriore e distinto rispetto al conferente nota2.

nota1 La giurisprudenza sull'argomento appare concorde. Cfr. Cass. Civ. Sez. II, 3011/92 .
top1

Note

nota2

Santoro Passarelli, Dottrine generali del diritto civile, Napoli, 2002, p.86. L'A. sottolinea la funzione di garanzia e responsabilità che il patrimonio in questione viene ad assumere in connessione con la sua funzione. Si veda anche Torrente-Schlesinger, Manuale di diritto privato, Milano, 2007, p.140.
top2

Bibliografia

  • SANTORO PASSARELLI, Dottrine generali del diritto civile, Napoli, 2002
  • TORRENTE-SCHLESINGER, Manuale di diritto privato , Milano, 2007

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Il patrimonio autonomo
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Il patrimonio autonomo"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto