Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Il modo nel mutuo



Quando il mutuo sia stipulato a titolo gratuito, in difetto cioè di pattuizione di interessi, sarebbe ben possibile l'apposizione di una clausola modale nota1.

Si pensi al caso in cui Tizio consegni a Caio una ingente somma di denaro pattuendone la restituzione entro cinque anni, con l'onere di provvedere all'esecuzione di alcune opere di straordinaria manutenzione in uno stabile, pure di proprietà di Tizio, condotto in locazione dal mutuatario.

E' chiaro che il contenuto dell'onere deve essere tale da non potersi configurare come corrispettivo della attribuzione di quanto mutuato. Diversamente, muterebbe il titolo del contratto che da gratuito diverrebbe oneroso.

Che cosa dire dell'eventualità in cui il mutuatario risultasse inadempiente rispetto al contenuto del modo? In difetto di apposita clausola intesa a conferire rilevanza ad una siffatta condotta nota2  non sembra possibile per il mutuante attivare gli ordinari rimedi risolutori.

Note

nota1

nota1

Cfr. in questo senso Fragali, Del mutuo, in Commentario al cod.civ. a cura di Scialoja e Branca, 1966, p. 200 e Costanzo, voce Modo, in Enc.giur.Treccani, vol.XX, 1990, p.4,  contra Biondi, Le donazioni, in Trattato di dir.civ.it., dir. da Vassalli, Torino, 1961, p.641, per il quale il modo potrebbe apporsi solo nei casi espressamente previsti dal codice (cioè alla donazione e al testamento) e non analogicamente ad altri negozi gratuiti.
top1

nota2

nota2

Clausola peraltro dalla dubbia natura: ci si può infatti legittimamente domandare se la pattuizione risolutiva espressa non sia in grado di reagire sul profilo causale dell'intero contratto fino al punto di determinare l'inquadramento dell'intera fattispecie in chiave di contratto oneroso, venendo l'obbligazione di cui al modo ad assumere la rilevanza di un vero e proprio corrispettivo. In questo senso si comprende perché parte della dottrina (Giampiccolo, voce Mutuo, in Enc.dir., vol.XXVI, 1977, p.456) ritiene del tutto inammissibile la risoluzione per inadempimento del modus apposto ad un contratto di mutuo gratuito.
top2

 

Bibliografia

  • BIONDI, Le donazioni, Torino, Tratt. dir. civ. diretto da Vassalli, vol. XV, 1961
  • COSTANZO, Modo, Enc.giur.Treccani, XX, 1990
  • FRAGALI, Del mutuo, Bologna-Roma, Comm. Scialoja-Branca, 1966
  • GIAMPICCOLO, Mutuo, Enc.dir., XXVII, 1977

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Il modo nel mutuo
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Il modo nel mutuo"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto