Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Il contratto estimatorio: definizione



Il contratto estimatorio consiste nella stipulazione in forza della quale una parte (il c.d. tradens) consegna all'altra una o più cose mobili e questa (il c.d. accipiens) si obbliga a corrisponderne il prezzo, avendo parallelamente la facoltà eventuale di restituire le dette cose entro il termine stabilito (art.1556 cod.civ.) nota1.

Si tratta di una figura negoziale di ampia applicazione pratica: si pensi alla vendita dei quotidiani e degli altri periodici nelle edicole, al commercio dei venditori di cose usate (libri, mobili, vestiti), affidategli da coloro che ne fanno consegna con l'intesa che il prezzo verrà corrisposto solo se verranno rivendute entro un certo periodo di tempo, all'esito del quale, nel caso contrario, esse verranno restituite al proprietario. Per lo più il contratto estimatorio viene concluso tra imprenditori (il grossista o il distributore e il dettagliante): l'accipiens non può o non vuole sopportare il rischio economico connesso all'invenduto ed il tradens per lo più riesce ad ottimizzare con il sistema dei resi la distribuzione della merce nota2 .

Il contratto estimatorio viene disciplinato succintamente da poche norme (artt. 1556 , 1557 , 1558  cod.civ.). Ciò non toglie che le parti possano diversamente configurarne gli aspetti afferenti alla fissazione del termine per la restituzione, alle modalità di perfezionamento, etc., facendo uso dell'autonomia negoziale riconosciuta loro dall'ordinamento (art.1322 cod.civ.).

Note

nota1

Il congegno negoziale corrispondente al contratto estimatorio era conosciuto anche nel diritto romano. Era tale l'accordo mediante il quale un soggetto faceva consegna ad un altro (circitor) di una cosa stimata, mentre quest'ultimo si obbligava a corrispondere un  prezzo predeterminato nell'ipotesi in cui l'avesse a propria volta venduta, diversamente dovendo restituirla tale e quale (incorrupta) al tradens. A costui veniva riservata una tutela mediante l' actio praescriptis verbis. Non si reputava infatti che la stipulazione corrispondesse né ad una vendita né ad un mandato.
top1

nota2

Il nome del contratto si deve al fatto che è necessaria una stima preventiva del valore delle cose ad opera del tradens: l'accipiens in questo modo può dirsi consapevole del prezzo che dovrà versare al tradens, potendo fissare un prezzo superiore da praticare nei confronti della clientela onde conseguire un lucro (Gazzoni, Manuale di diritto civile e commerciale, Napoli, 1996, p.1057).  
top2

Bibliografia

  • GAZZONI, Manuale di diritto privato, Napoli, 2006

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Il contratto estimatorio: definizione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Il contratto estimatorio: definizione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto