Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Il c.d. factoring indiretto




Nella prassi è dato di poter constatare la diffusione di una negoziazione che viene definita come factoring indiretto, anche se il fenomeno sarebbe forse meglio qualificabile come factoring invertito. L' elemento caratterizzante della figura è che è il debitore, non già il creditore, ad assumere l'iniziativa della cessione.

Vi sono imprese (per lo più società di notevoli dimensioni economico-finanziarie) che, nel contrarre un debito (verso fornitori), provvedono esse stesse a stipulare l' accordo di cessione avente ad oggetto il proprio debito che, per conto del terzo creditore viene trasferito ad una società esercente il factoring. In altri termini, il credito che il fornitore vanterebbe verso il proprio cliente viene trasferito al factor, che solitamente è una società facente parte dello stesso gruppo di quella debitrice.

Questa peculiare iniziativa rovesciata non incide nè sulla struttura, nè sulla funzione del contratto. La diffusione di questa speciale tipologia di factoring è per lo più riconducibile ad esigenze di natura fiscale.

 

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Il c.d. factoring indiretto
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Il c.d. factoring indiretto"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto