Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

I limiti derivanti dall'oggetto sociale (rappresentanza nella società per azioni)




L 'atto compiuto da un amministratore munito del potere di rappresentanza in eccesso rispetto ai limiti previsti dall'oggetto sociale, rientra tra le fattispecie cui risulta applicabile l'art. 2384, II comma, cod.civ. .
Si consideri tuttavia che, quando la condotta dell'amministratore si sostanzi nel compimento di un atto che possa dirsi comportare una modifica sostanziale dell'oggetto sociale, il difetto di preventiva deliberazione assembleare potrebbe essere posto a fondamento dell'annullamento della negoziazione (cfr. Tribunale di Piacenza, sent. n. 140 del 14 marzo 2016).

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

I limiti derivanti dall'oggetto sociale (rappresentanza nella società per azioni)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "I limiti derivanti dall'oggetto sociale (rappresentanza nella società per azioni)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto