Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

I danni futuri



Con il termine "danni futuri" si intende alludere alle conseguenze patrimonialmente sfavorevoli non attuali che sono destinate a prodursi con riferimento ad un evento dannoso già verificatosinota1. La locuzione è dunque impropria: il pregiudizio è infatti attuale; future sono piuttosto le conseguenze sfavorevoli dell'evento dannoso nota2. Il problema è quello di conciliare la futuritá di tale pregiudizio con il criterio legale in base al quale il danno risarcibile deve essere conseguenza immediata e diretta dell'illecito: si ponga mente al fatto che il disposto dell'art. 1223 cod.civ. è ritenuto per lo piú applicabile anche in tema di illecito extracontrattuale.

Particolarmente rilevante è il caso del danno relativo alla inabilità lavorativa permanente (sia essa parziale sia totale) nonché quello che derivi ai congiunti in esito alla morte del familiare sulla cui capacitá lavorativa si contava per il mantenimento.

Note

nota1

Così Bianca, Diritto civile, vol.V, Milano, 1997, p.160.
top1

nota2

Analogamente Graziani, Appunti sul lucro cessante, in Studi di diritto civile e commerciale, Napoli, 1953, p.293.
top2

Bibliografia

  • BIANCA, Diritto civile, Milano, V, 1997
  • GRAZIANI, Appunti sul lucro cessante, Napoli, Studi di diritto civile e commerciale, 1953

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

I danni futuri
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "I danni futuri"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto