Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

H.B.14 - Rappresentanza dell’intero capitale sociale nell’assemblea totalitaria


Massima

1° pubbl. 9/05

Si deve ritenere “rappresentato l’intero capitale sociale” ai fini della valida costituzione dell’assemblea in forma totalitaria qualora:
  • in caso di usufrutto o di pegno su azioni siano presenti i soggetti investiti del diritto di voto (e quindi del diritto di intervento ex art. 2370 primo comma cod. civ.) e pertanto, di regola, l’usufruttuario e il creditore pignoratizio, salvo convenzione contraria ex art. 2352 primo comma cod. civ. c.c.;
  • in caso di comproprietà di azioni sia presente il rappresentante comune nominato ai sensi dell’art. 2347 cod. civ., non essendo invece necessaria la presenza di tutti i contitolari delle azioni, posto che è il solo rappresentante comune il soggetto investito del diritto di voto e quindi del diritto di intervento;
  • in caso di azioni proprie, siano presenti i titolari del diritto di voto delle azioni in circolazione posto che per le azioni proprie il diritto di voto è sospeso (dette azioni, in quanto debbono essere computate ai fini del calcolo del quorum costitutivo ai sensi dell’art. 2357 cod. civ., proprio perché di proprietà della stessa società debbono ritenersi sempre comunque “presenti”).

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

H.B.14 - Rappresentanza dell’intero capitale sociale nell’assemblea totalitaria
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "H.B.14 - Rappresentanza dell’intero capitale sociale nell’assemblea totalitaria"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto