Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Funzione economica della fusione



La fusione può essere definita come la "... compenetrazione di più organismi economici in uno solo, compenetrazione che necessariamente porta con sé la perdita della individualità economica delle singole imprese" : dove per perdita della individualità economica si intende " il completo assoggettamento delle singole imprese alla volontà di un unico imprenditore" nota1.

Dal punto di vista economico, pertanto, con la fusione le imprese tendono a compenetrarsi in modo da formare un unico organismo economico , a nulla rilevando la struttura giuridica assunta o il mezzo giuridico attraverso il quale la fusione si attua, ma essendo sufficiente che le singole imprese vengano assoggettate ad un'unica volontà imprenditoriale.

Le ragioni economiche che stanno alla base di un'operazione di fusione sono sostanzialmente riconducibili alla volontà dell'impresa di aumentare il proprio grado di efficienza, la propria dimensione ottimale, sfruttando i benefici derivanti dalle economie di scala, ovvero ottenendo il miglioramento del management.

Note

nota1

Cfr. Liefmann, Cartelli, gruppi e trust, in Nuova collana di economist, Torino, 1934.
top1

Bibliografia

  • LIEFMANN, Cartelli, gruppi e trust, Torino, Nuova collana di economist, 1934

Prassi collegate


Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Funzione economica della fusione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Funzione economica della fusione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto