Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Forma della vendita di titoli di credito



La legge non prevede in tema di vendita a termine di titoli di credito alcun particolare requisito formale.  Ne discende che tale negoziazione possa essere perfezionata con atto scritto ovvero anche oralmente nota1. Quando la negoziazione viene conclusa in borsa (ma non è escluso che il sistema possa venire applicato anche nella contrattazione tra privati) viene utilizzato uno specifico supporto cartaceo denominato "fissato bollato". Esso consiste in un foglietto di carta filigranata, il cui acquisto postula il pagamento (in una misura minima) dell'imposta di bollo sui contratti di borsa, composto da due parti staccabili l'una dall'altra. Ciascuna di queste parti viene compilata con il testo del contratto, sottoscritta da ciascuna delle parti ed eventualmente integrata nella bollazione in relazione al corrispettivo della vendita. In esito alla conclusione della vendita, acquirente e venditore trattengono una delle due parti del fissato bollato, la cui rilevanza si manifesta sia fiscalmente sia ai fini esecutivi e probatori.

Note

nota1

Conforme Capozzi, Dei singoli contratti, Milano, 1988, p.183.

 top1

 

Bibliografia

  • CAPOZZI, Compravendita, riporto, permuta, contratto estimatorio, somministrazione, locazione, Milano, Dei singoli contratti, 1988

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Forma della vendita di titoli di credito
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Forma della vendita di titoli di credito"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto