Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Forma della procura, costituzione in mora: meri atti e potere rappresentativo



La natura di mero atto giuridico della intimazione prevista dall'art. 1219 cod.civ. ai fini della costituzione in mora e la correlativa inapplicabilità diretta, ai sensi dell'art.1324 cod.civ., delle norme dettate in tema di contratto, assume una particolare rilevanza in tema di poteri rappresentativi.

Corrisponde infatti all'orientamento del tutto consolidato in giurisprudenza l'affermazione secondo la quale, in tema di conferimento di procura finalizzata alla costituzione in mora, non è necessaria la forma scritta (Cass. Civ. Sez. I, 6556/97 ; Cass. Civ. Sez. III, 6245/87 ; Cass. Civ. Sez. I, 4144/78 ). Se ne è desunto che l'effetto interruttivo della prescrizione proprio della costituzione in mora si produce anche se essa proviene da mandatario al quale il relativo incarico sia stato conferito soltanto verbalmente (Cass. Civ. Sez.III, 11015/04). E' appena il caso di rammentare che l'art. 1392 cod.civ. prescrive, in tema di requisito formale della procura, che essa debba rivestire la stessa forma prescritta per il contratto che il rappresentante deve concludere. L'art. 1219 cod.civ., a propria volta richiede, ai fini dell'intimazione, la forma scritta. La natura di atto non negoziale dell'intimazione importa la inapplicabilità del principio del collegamento formale nota1. Da questa considerazione si può dedurre, in genere, un principio di assenza del vincolo formale per quanto attiene alla procura funzionale al compimento di meri atti giuridici, non aventi una portata negoziale nota2. Pur essendo escluso un diretto rinvio recettizio ex art. 1324 cod.civ. alla normativa generale in tema di contratto, dovrà comunque porsi attenzione, caso per caso, all'eventuale applicazione analogica dell'art. 1392 cod.civ..

Note

nota1

Cesaro, in Comm.cod.civ., dir. da Cendon, vol.IV, Torino, 1999, p.478.
top1

nota2

Roppo, in Comm.cod.civ., dir. da Cendon, vol.IV, Torino, 1999, p.684; Chianale, La rappresentanza, in I contratti in generale, t.2, a cura di Gabrielli, Torino, 1999, p.1140.
top2

Bibliografia

  • CESARO, I contratti in generale, Torino, Comm.cod.civ. diretto da Cendon, IV, 1999
  • CHIANALE, La rappresentanza. , Torino, I contratti in gener., a cura di Gabrielli, 2, 1999
  • ROPPO, Torino, Comm.cod.civ. diretto da Cendon, IV, 1999

News collegate

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Forma della procura, costituzione in mora: meri atti e potere rappresentativo
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Forma della procura, costituzione in mora: meri atti e potere rappresentativo"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto