Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Forma della dispensa dall'imputazione ex se



La dispensa dall'imputazione ex se deve essere, ai sensi del III comma dell'art. 564 cod.civ., espressa nota1.
Non è dunque consentita una dispensa tacita, desumibile interpretativamente dall'emergenza di fatti concludenti ovvero dichiarazioni di una diversa volontà dalla quale desumere l'intento del disponente (Cass.Civ. Sez. II 3852/83) nota2.
Ciò premesso non è indispensabile l'utilizzo di speciali formule: è sufficiente l'espressione di una volontà del disponente chiaramente indirizzata a conseguire l'effetto di far gravare il lascito effettuato a favore del legittimario sulla porzione disponibile, fermo ed impregiudicato dunque il diritto di costui di conseguire anche la porzione legittima.

La dispensa può essere contestuale all'atto liberale, donazione o testamento (cfr. Cass. Civ., Sez. II, 22097/2015): in queste ipotesi viene sostanzialmente ad assumere il ruolo di una disposizione rafforzativa rispetto al lascito al quale si riferisce. Si reputa che la dispensa possa anche intervenire in via autonoma e successiva: qualora venga posta in essere con apposito atto tra vivi successivo dovrà, secondo l'opinione preferibile nota3 , sempre rivestire ad substantiam actus la forma solenne della donazione dal momento che essa viene a configurare una liberalità ulteriore.



Note

nota1

Mengoni, Successioni per causa di morte. Successione necessaria, in Trattato di dir.civ. e comm., dir. da Cicu-Messineo, Milano, 1984, p.392.
top1

nota2

Analogamente Casulli, La dispensa dalla collazione delle liberalità palliate con la forma del contratto oneroso o per interposizione di persona, in Riv.dir.civ., 1941, I, p.19 e Cassisa, In tema di dispensa dalla collazione e dall'imputazione ex se, in Giust.civ., 1957, p.910.
top2

nota3

Cfr. Andrini, La dispensa dalla collazione e dall'imputazione, in Successioni e donazioni, a cura di Rescigno, vol.II, Padova, 1994, p.144.
top3

Bibliografia

  • ANDRINI, La dispensa dalla collazione e dall'imputazione, Padova, Successioni e donazioni, a cura di Rescigno, II, 1994
  • CASSISA, In tema di dispensa dalla collazione e dall'imputazione ex se, Giust.civ., 1957
  • CASULLI, La dispensa dalla collazione delle liberalità palliate con la forma del contratto oneroso o per interposizione di persona, Riv. dir. civ., I, 1941
  • MENGONI, Successioni per causa di morte. Successione necessaria,, Milano, Trattato Cicu-Messineo, 1984

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Forma della dispensa dall'imputazione ex se
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Forma della dispensa dall'imputazione ex se"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto