Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Forma del contratto autonomo di garanzia



Il contratto autonomo di garanzia è una negoziazione atipica: nessun vincolo di natura formale è dunque richiesto ai fini del perfezionamento del medesimo. Nella prassi, a scopo eminentemente probatorio, è comunque invalso l'uso di utilizzare una forma scritta. Al più si tratterà di un requisito formale convenzionale ex art.1352 cod.civ. , che si presumerà dunque voluto per la validità dell'atto nota1.

Le parti potranno anche prevedere una particolare forma per la richiesta di escussione della garanzia da parte del beneficiario. Anche in relazione a tale aspetto può venire in considerazione un patto afferente all'aspetto formale, al quale potrà applicarsi la norma predetta. In caso di successiva inosservanza da parte del creditore beneficiario del predetto requisito, pur pattiziamente previsto, sarà giustificato l'eventuale rifiuto del garante in ordine a onorare la garanzia  nota2.

Note

nota1

De Nictolis, Nuove garanzie personali e reali, Padova, 1998, p.101.
top1

nota2

Dogliotti e Figone, in Comm.cod.civ., dir. da Cendon, Aggiornamento 1991-2001, vol.II, Torino, 2002, p.330.
top2

 

Bibliografia

  • DE NICTOLIS, Nuove garanzie personali e reali, Padova, 1998
  • DOGLIOTTI E FIGONE, Torino, Comm.cod.civ. dir. da Cendon, II, 2002

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Forma del contratto autonomo di garanzia
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Forma del contratto autonomo di garanzia"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto