Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Forma ad regularitatem



La dottrina nota1 ha individuato casi in cui il formalismo prescritto dalla legge non si riferisce alla validità dell'atto compiuto, ovvero alla prova del medesimo, essendo prevista ad altri fini.

Vediamo le singole ipotesi:

  1. Secondo un'opinione, nel caso di cui all'art. 14 cod.civ., la forma solenne per la costituzione di associazioni e fondazioni è prevista per ottenerne il riconoscimento quali persone giuridiche nota2 ;
  2. art. 1524 cod.civ.: per l'opponibilità del patto di riservato dominio ai creditori dell'acquirente nota3 ;
  3. art. 2787 cod.civ. : per il conseguimento della prelazione nell'ambito del pegno che garantisce credito di importo superiore ad euro 2,58 nota4; la conseguenza del mancato rispetto della forma (essendo tuttavia desumibile l'indicazione del credito anche in via indiretta: cfr. Cass. Civ. Sez.I, 20699/07; cfr. anche Cass. Civ., Sez. I, 3555/2014 in tema di irrilevanza, ai fini della forma, della mancata menzione del rapporto di conto corrente sul quale i risultati dell'anticipazione di credito garantita da pegno erano destinati a confluire) dovrebbe esser quello dell'inopponibilità dell'atto ai terzi creditori o aventi causa dalla società;
  4. l'art.2470 cod.civ. prevede che la cessione delle quote di s.r.l. abbia luogo quantomeno con atto autenticato nelle sottoscrizioni. Il formalismo è funzionale al deposito dello stesso entro trenta giorni, a cura del notaio autenticante, presso l'ufficio del registro delle imprese nella cui circoscrizione è stabilita la sede sociale. Il trasferimento delle partecipazioni ha effetto di fronte alla società dal momento del deposito dell'atto presso il Registro delle imprese (e non più a far tempo dall'iscrizione nel libro dei soci, abolito dall'art.16 della L. 28 gennaio 2009, n.2). Nel tempo precedente la riforma del diritto societario l'art.2479 cod.civ. prevedeva, quasi analogamente, che la cessione delle quote dovesse essere effettuata per atto pubblico ovvero per scrittura privata autenticata e depositato presso il registro imprese. Ciò allo scopo di consentirne l'iscrizione nel libro dei soci. Il mancato rispetto delle dette formalità produceva l'impossibilità dell'effettuazione dell'annotazione nel libro dei soci nota5. In esito all'entrata in vigore della riforma non è stato più riprodotto l'art. 2490 bis cod.civ.. La norma conteneva la previsione in base alla quale i contratti tra socio unico e società a r.l. dovevano essere trascritti nel libro adunanze e deliberazioni, ovvero risultare da atto scritto. La conseguenza del mancato rispetto della forma sarebbe consistita nell'inopponibilità.
  5. Il contratto di “rete di imprese” (art. 4 della Legge 9 aprile 2009, n. 33 come novellata dall’art.42 della legge 30 luglio 2010 n.122) deve, ai fini di potersi dare corso agli adempimenti pubblicitari di cui al comma 4-quater, (cioè l'iscrizione presso il Registro delle imprese), essere redatto per atto pubblico o per scrittura privata autenticata.


Note

nota1

Carnelutti, Teoria generale del diritto, Roma, 1946, p.311 e Genovese, Le forme integrative e le società irregolari, in Riv.trim.dir. e proc.civ., 1948, p.119. La questione viene più ampiamente affrontata in sede di disamina del problema specifico della forma dell'atto costitutivo dell'associazione.
top1

nota2

Ritiene che la forma in questo caso sia prescritta solo a fini pubblicitari Galgano, Delle associazioni non riconosciute e dei comitati, in Comm.cod.civ., a cura di Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1967, p.141.
top2

nota3

Ravvisa una forma ad regularitatem Liserre, voce Forma degli atti, in Enc.giur.Treccani, p.2.
top3

nota4

Giorgianni, voce Forma degli atti, in Enc.dir., p.999.
top4

nota5

Così anche Stolfi, Appunti sull'art.2479 cod.civ., in Giust.it., 1973, I, 1, p.539.
top5

Bibliografia

  • CARNELUTTI, Teoria generale del diritto , Roma, 1946
  • GALGANO, Delle associazioni non riconosciute e dei comitati, Bologna-Roma, Comm. Scialoja e Branca, 1967
  • GENOVESE, Le forme integrative e le società irregolari, Riv.trim.dir. e proc.civ., 1948
  • GIORGIANNI, Forma degli atti, Enc. dir.
  • LISERRE, Forma degli atti, Roma, Enc.giur.Treccani, XIV, 1988
  • STOLFI, Appunti sull'art. 2479 cod.civ., Giust.civ., I,1, 1973

Prassi collegate

  • Quesito n. 241-2012/I, Deposito presso il notaio italiano di atto di cessione di partecipazione di srl italiana redatto in Svizzera

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Forma ad regularitatem
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Forma ad regularitatem"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto