Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Forma ad probationem



Con il termine forma ad probationem si intende evocare il requisito formale necessario ai soli fini della prova dell'atto. L'atto compiuto senza il requisito formale non è nullo: di esso non se ne può dar la prova se non mediante confessione ovvero giuramento decisorio nota1. Il requisito formale è dunque necessario, ma non indispensabile. Il difetto di esso cagiona l'impossibilità di darne conto per il tramite della prova testimoniale e di presunzioni (cfr.II comma art. 2725 cod. civ. in relazione al n. 3 dell'art. 2724 cod. civ. ) nota2.

Varie sono le ipotesi previste dalla legge:

  • art. 1742 cod. civ. : contratto di agenzia;
  • art. 1846 cod. civ. : patto di utilizzazione delle cose date in pegno nell'anticipazione bancaria;
  • art. 1919 cod. civ. : consenso a stipulare contratto di assicurazione per il caso di morte di un terzo (da parte di quest'ultimo);
  • art. 1928 cod. civ. : contratti generali di riassicurazione;
  • art. 1967 cod. civ. : transazione;
  • art. 2596 cod. civ. : limiti contrattuali della concorrenza;
  • art. 1417 cod. civ. : accordo simulatorio, con la sola eccezione del caso in cui sia illecito il negozio dissimulato;
  • art. 2556 cod. civ. : trasferimento della proprietà o del godimento dell'azienda relativa ad impresa soggetta a registrazione;
  • quest'ultima ipotesi risulta particolarmente complessa in seguito all'intervento della c.d. legge Mancino n. 310 del 1993 in forza della quale detti atti in forma pubblica, ovvero privata autenticata, devono, a cura del notaio rogante, essere depositati nel registro delle imprese;
  • art. 110 della legge 633/41: trasferimento del diritto patrimoniale d'autore.
  • artt.35 e 42 del D .Lgs. 10 settembre 2003, n. 276, attuativo delle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavoro di cui alla l. 14 febbraio 2003, n. 30, dettati rispettivamente in tema di contratto di lavoro intermittente e ripartito.


Note

nota1

Giorgianni, voce Forma degli atti, in Enc. dir., p. 992.
top1

nota2

Liserre, voce Forma degli atti, in Enc. Giur. Treccani, p. 2.
top2

Bibliografia

  • GIORGIANNI, Forma degli atti, Enc. dir.
  • LISERRE, Forma degli atti, Roma, Enc.giur.Treccani, XIV, 1988

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Forma ad probationem
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Forma ad probationem"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto