Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Fattispecie riconducibili all'accordo negoziale



Nel novero dell'accertamento negoziale vengono evocate fattispecie eterogenee, quali la ricognizione di debito di cui all'art. 1988 cod.civ., la confessione (artt. 2730 e ss. cod.civ. ), l'atto ricognitivo di enfiteusi (art. 969 cod.civ. ), la divisione (art. 713 e ss. cod.civ.), la ricognizione della rendita (art. 1870 cod.civ. ). Discussa è la portata di alcuni negozi atipici quali ad esempio l'atto di identificazione del confine tra due fondi, più in generale di atti ricognitivi della titolarità di un diritto reale.

Le prime due figure possiedono una natura giuridica disputata: secondo l'opinione preferibile nota1 esse non potrebbero esser qualificabili nei termini di atti aventi natura negoziale, ciò che vale in parte a ridimensionare il problema posto dalle fattispecie in considerazione.

All'accertamento negoziale è stato ricondotto il verbale di conciliazione raggiunto nell'ambito del procedimento di mediazione di cui al D. Lgs. n.28 del 2010 ed avente come esito quello della ricognizione tra le parti dell'intervenuta usucapione di un bene immobile. Al riguardo è stato deciso che tale natura giuridica ne precluda la trascrivibilità, tenuto conto del modo di disporre dell'art. 11 del predetto D. Lgs., ai sensi del quale la pubblicità è praticabile quanto l'atto coincida con un negozio conforme ai dettami di cui all'art. 2643 cod.civ. (Tribunale di Roma, del 06 luglio 2011).

L'esame che segue avrà altresì ad oggetto la portata dei c.d. accordi interpretativi, vale a dire quelle convenzioni con le quali le parti convengono di attribuire un comune significato a precedenti pattuizioni, nonchè ad una singolare ipotesi di negozio ricognitivo, funzionale all'accertamento della nullità di un precedente contratto stipulato tra le parti in violazione rispetto all'art. 732 cod.civ. .

Particolare attenzione merita inoltre la distinzione tra l'ambito in esame e il contratto di transazione.

Note

nota1

Si veda Silvestri, voce Confessione nel diritto processuale civile, in Dig.discipl. priv., 1988, 426, Andrioli, voce Confessione, in N.sso Dig.It., 1959, 11, Furno, voce Confessione, in Enc.dir., VIII, 1961, 898, Montesano, Confessione e astrazione processuale, in Riv.dir.proc, 1951, 66 e Mirabelli, L'atto non negoziale nel diritto privato italiano, Napoli, 1955, 357.
top1

Bibliografia

  • ANDRIOLI, Confessione, N.sso Dig. it., IV, 1959
  • FURNO, Confessione, Enc. dir., VIII, 1961
  • MIRABELLI, L'atto non negoziale nel diritto privato italiano, Napoli, 1955
  • MONTESANO, Confessione ed astrazione processuale, Riv. dir. proc., I, 1951
  • SILVESTRI, Confessione nel diritto processuale civile, Dig. disc. priv., 1989

Prassi collegate

  • Quesito n. 953-2014/T, Atto ricognitivo crediti tributari esistenti dopo cessione a favore dei trustee di un trust in procedura fallimentare

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Fattispecie riconducibili all'accordo negoziale
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Fattispecie riconducibili all'accordo negoziale"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto