Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Fascicoli supplementari (art. 63 l.n.)




Può accadere che il notaio debba presentare i propri repertori, prescritti dall'art. 62 l.n., a qualche pubblico ufficio per consentire eventuali verifiche o controlli nota1 .

Non potendo rimanere senza repertori, in relazione all'obbligo di annotarvi giornalmente nota2 tutti gli atti ricevuti, la legge notarile prescrive che il notaio sia dotato (necessariamente) di fascicoli supplementari che sopperiscano alla momentanea mancanza dei repertori ( inter vivos, mortis causa e protesti cambiari; non è prevista la sostituibilità del registro delle somme e valori).

L'art. 63 l.n. impone che anche tali fascicoli supplementari debbano essere preventivamente vidimati secondo le prescrizioni dall'art. 64 l.n..



Note

nota1

All'Archivio per l'ispezione biennale; all'ufficio del Registro per il visto quadrimestrale ecc.
top1

nota2

Il termine di legge è la conclusione della giornata; il dato è confermato da quanto previsto dall'art. 2 comma del D.M. 6 novembre 1991, che ha approvato i nuovi modelli dei repertori, secondo cui "la stampa degli elaborati deve effettuarsi in giornata".
top2

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Fascicoli supplementari (art. 63 l.n.)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Fascicoli supplementari (art. 63 l.n.)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto