Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Euro e ordinamento italiano



L'adeguamento dell'ordinamento italiano alla legislazione comunitaria in tema di emissione della moneta unica (Euro)  e di graduale sostituzione delle valute nazionali è intervenuto in forza dei seguenti provvedimenti normativi:

  • La legge 17 dicembre 1997, n. 433  con la quale il governo è stato  delegato all'adozione di "uno o più decreti legislativi recanti le norme necessarie per dare piena attuazione alle disposizioni comunitarie sul passaggio alla moneta unica europea e per favorire un ordinato e trasparente passaggio dalla lira all'euro" (l. 433/1997, art. 1  ).
  • Il D.Lgs 3 aprile 1998, n. 124 , in attuazione della legge delega citata, recante le disposizioni per l'introduzione dell'euro.
  • Il D.Lgs. 24 giugno 1998, n. 213  , recante "Disposizioni per l'introduzione dell'EURO nell'ordinamento nazionale, a norma dell'articolo 1 , comma 1, della legge 17 dicembre 1997, n. 433".


  • Il D.Lgs 15 giugno 1999, n. 206 , recante "Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 25 giugno 1998, n. 213  , in materia di introduzione dell'euro nell'ordinamento nazionale, a norma dell'articolo 1, comma 4, della legge 17 dicembre 1997, n. 433".


Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Euro e ordinamento italiano
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Euro e ordinamento italiano"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto