Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Estinzione del diritto di superficie per consolidazione



Il diritto di superficie può estinguersi per consolidazione alla nuda proprietà tutte le volte in cui venga posto in essere un atto o un fatto implicante il trasferimento del diritto di superficie al proprietario del suolo (per contratto, in forza di testamento, usucapione della superficie). Può venire in esame anche un atto di natura meramente abdicativa, provocante l'estinzione senza che abbia luogo alcun trasferimento, come la rinuncia. In questa ipotesi si produce, per effetto dell'elasticità del dominio, la riespansione della proprietà, che diviene piena. Il dubbio che qualcuno si è posto in relazione alla possibile applicazione dell'art. 827 cod.civ. (norma che attribuisce al patrimonio dello Stato la proprietà dei beni immobili vacanti)nota1, deve esser risolto negativamente, avuto riguardo alla natura del diritto in esame ed al modo di disporre dell'art. 953 cod.civ. nota2.

Un'ipotesi specifica di consolidazione si può riconoscere nel fenomeno impropriamente appellato come "trasformazione della superficie in proprietà". Viene in esame la cessione che i Comuni operano (allo scopo di fare "cassa"), alienando la nuda proprietà dell'area di sedime dei fabbricati condominiali già edificati in attuazione della c.d. "legge sulla casa" (l. 865/1971), che prevedeva l'assegnazione a società cooperative del diritto di superficie per novantanove anni di aree sulle quali edificare abitazioni. In tal caso l'oggetto della c.d. "trasformazione" non sono già le singole unità immobiliari, ma l'area di sedime dell'intero corpo di fabbrica condominiale.

Note

nota1

Così p.es. Salis, La superficie, in Tratt.dir.civ., diretto da Vassalli, Torino, 1958, p.134.
top1

nota2

Occorre applicare analogicamente il disposto dall'art. 953 cod. civ. in tutte le ipotesi di estinzione del diritto di superficie: la costruzione non rimarrà vacante, in quanto accederà immediatamente al suolo, in sintonia con quanto stabilito dall'art. 934 cod.civ.. Si veda Bigliazzi Geri-Breccia-Busnelli-Natoli, Istituzioni di diritto civile, vol. II, Genova, 1978, p.169; Barbero, Il sistema del diritto privato, Torino, 1993, p.515; Torrente-Schlesinger, Manuale di diritto privato, Milano, 1985, p.349; Gazzoni, Manuale di diritto privato, Napoli, 1996, p.242.
top2

Bibliografia

  • GAZZONI, Manuale di diritto privato, Napoli, 2006
  • SALIS, La superficie, Torino, Tratt.dir.civ. diretto da Vassalli, 1958

Prassi collegate

  • Agevolati gli atti di trasformazione del diritto di superficie in proprietà di aree rientranti nei piani di zona
  • Risoluzione N. 17/E, Cessione dal Comune agli assegnatari degli alloggi, di aree già concesse in diritto di superficie
  • Quesito n. 210-2014/T, Tassazione di convenzione portante trasformazione diritto superficie in piena proprietà rimozione di vincoli di prezzo
  • Studio n. 521-2011/C Integrazione, Ulteriori considerazioni in tema di edilizia residenziale convenzionata
  • Quesito n. 34-2011/T, Tassazione di atto unitario di trasformazione di diritto di superficie in diritto di proprietà

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Estinzione del diritto di superficie per consolidazione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Estinzione del diritto di superficie per consolidazione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto