Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Esecuzione in forma specifica e contratto preliminare concluso da un solo coniuge in regime di comunione legale dei beni



Si faccia l'ipotesi in cui Tizio, coniugato in regime di comunione legale con Caia, si impegni a trasferire la proprietà di un bene appartenente alla comunione. Con tutta evidenza egli sarà tenuto, nell'ipotesi di inadempimento, a risarcire i danni al promissario acquirente. Che cosa riferire della possibilità da parte di quest'ultimo di agire con il rimedio specifico di cui all'art. 2932 cod.civ.? Il caso va tenuto distinto da quello in cui la dichiarazione di uno dei coniugi, che pure abbia espresso la propria volontà in ordine all'alienazione, sia viziata (es. per difetto di capacità giuridica conseguente alla dichiarazione di fallimento: cfr. Cass. Civ., Sez. VI-II, 1866/2015).

Occorre a questo proposito rammentare le prescrizioni di cui agli artt. 180 cod.civ. e 184 cod.civ. . Ai sensi della prima norma ciascuno dei coniugi può compiere da solo atti di ordinaria amministrazione, mentre per gli atti eccedenti l'ordinaria amministrazione e per la stipula dei contratti con i quali si concedono o si acquistano diritti personali di godimento occorre il consenso di entrambi i coniugi. La seconda disposizione prescrive invece che gli atti compiuti da un coniuge senza il necessario consenso dell'altro (quando non convalidati) sono annullabili se riguardano beni immobili o beni mobili elencati nell'art. 2683 cod.civ. .

Ciò premesso, è appena il caso di riferire che la vendita di immobili è indubbiamente atto eccedente l'ordinaria amministrazione: non può che derivarne l'invalidità dell'impegno preliminare assunto da uno soltanto dei contitolari del bene promesso in vendita. Da questa situazione scaturisce l'impossibilità per il promissario acquirente di potersi giovare del rimedio dell'esecuzione forzata in forma specifica ex art. 2932 cod.civ. (Cass.Civ. Sez. II, 10675/95). Il punto è quello dell'inefficacia dell'obbligazione assunta da uno solo dei comproprietari in carenza di rappresentanza dell'altro titolare nota1. Recentemente si è fatta strada, sia pure nel solo ambito della giurisprudenza di merito, una soluzione alternativa del tutto antitetica. L'impegno sottoscritto da uno soltanto dei coniugi sarebbe efficace e del tutto impegnativo, salva l'annullabilità del medesimo ai sensi dell'art.184 cod.civ. (Tribunale di Mantova, 04 marzo 2006; cfr. inoltre Cass. Civ., Sez. II, 2202/13). Sotto un profilo complementare si sono espresse le S.U. della Cassazione: la controversia relativa all'esecuzione in forma specifica del contratto preliminare avente ad oggetto un bene comune, tuttavia stipulato da uno soltanto dei coniugi, non può non vedere la partecipazione anche dell'altro coniuge, rimasto estraneo alla vicenda negoziale (Cass. Civ. Sez. Unite, 17952/07). Conseguentemente, nell'ipotesi in cui non sia stato integrato il contradditorio, il processo comunque svolto non portà non essere reputato nullo (Cass. Civ., Sez. II, 18864/13).

Rimane, come detto, impregiudicato il diritto del promissario acquirente in ordine al risarcimento del danno nota2.

Note

nota1

Così Gazzoni, Contratto preliminare, in Tratt.dir.priv., diretto da Bessone, Torino, XIII, 2000, p. 728, secondo il quale non è possibile ipotizzare che il coniuge si obblighi "per il suo diritto solidale sui beni in comunione legale limitatamente alla quota convenuta sul singolo cespite, poichè se c'è solidarietà non c'è limite, tanto più in quanto la quota non è convenuta, essendo l'eguaglianza delle quote principio inderogabile (art. 210, III comma, cod.civ.)". Contra, Cass. Civ. Sez. II, 785/87 . La S.C. non ha escluso la facoltà del promissario acquirente di chiedere l'esecuzione specifica dell'obbligo di stipulare il contratto definitivo ai sensi art. 2932 cod.civ. , sia pure limitatamente alla quota dell'immobile di proprietà del promittente.
top1

nota2

Cannizzo, Il contratto preliminare, in I contratti in generale, vol. III, a cura di Cendon, Torino, 2000, pp. 384-385.
top2

Bibliografia

  • CANNIZZO, Il contratto preliminare, Contratti in generale dir. da Cendon, III, 2000
  • GAZZONI, Contratto preliminare in Il contratto in generale, Torino, Tratt. dir. priv. diretto da Bessone, vol. XIII, t. II, 2002

Prassi collegate

  • La sorte del contratto preliminare stipulato da un solo coniuge in regime di comunione legale
  • Comunione dei beni, preliminare di vendita e tutela del coniuge pretermesso
  • La Cassazione sulla tutela dei legittimari

News collegate

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Esecuzione in forma specifica e contratto preliminare concluso da un solo coniuge in regime di comunione legale dei beni
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Esecuzione in forma specifica e contratto preliminare concluso da un solo coniuge in regime di comunione legale dei beni"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto