Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Elementi che determinano lo scioglimento degli effetti contrattuali tra le parti



L'art.1372 cod.civ.  prevede il principio della intangibilità del contratto, ciò che comporta l'impossibilità per le parti di sottrarsi alle conseguenze derivanti dalla vicenda negoziale che già ha avuto vita. Questa, tuttavia, non è un regola assoluta. La stessa norma si affretta a riferire della possibilità che le parti possano sciogliere il contratto per mutuo consenso o per  altre cause ammesse dalla legge, tra le quali si possono ricordare il recesso (disciplinato dal successivo art.1373  cod.civ.) e la revoca. Si tratta di fattispecie in grado di far venire meno l'efficacia del contratto tra le stesse parti e che per tale motivo rappresentano l'espressione di un generale principio di ordinaria ritrattabilità del vincolonota1. Ciò anche se occorre rilevare che, mentre per l'esercizio del mutuo dissenso è sufficiente una volontà comune degli stessi contraenti del contratto che si intende risolvere, nell'esercizio del diritto di recesso o di revoca va diversamente.  L'ordinamento disciplina le modalità dell'esercizio delle medesime richiedendo la sussistenza di particolari requisiti, giustificati in relazione alla natura unilaterale della revoca o del recesso, in forza dei quali viene meno l'efficacia dell'atto per effetto della volontà manifestata solo da una delle parti. Beninteso, lo scioglimento dell'atto (con la sua conseguente inefficacia) va diversamente valutato rispetto a quegli accordi con i quali si modica il rapporto giuridico preesistente senza farlo venire meno, perchè si tratta di ipotesi diverse che attengono alla modificazione oggettiva del rapporto giuridico, ma che non incidono in maniera meramente negativa sul rapporto stessonota2.

Note

nota1

Così Scognamiglio, Contributo alla teoria del negozio giuridico, Napoli, 1950, p.287 e Luminoso, Il mutuo dissenso, Milano, 1980, p.280.
top1

nota2

Analogamente Franzoni, Degli effetti del contratto, in Comm.cod.civ., dir. da Schlesinger, Milano, 1998, p.58.
top2

Bibliografia

  • FRANZONI, Degli effetti del contratto, Milano, Comm.cod.civ.dir.da Schlesinger, 1998
  • LUMINOSO, Il mutuo dissenso, Milano, 1980
  • SCOGNAMIGLIO, Contributo alla teoria del negozio giuridico, Napoli, 1950

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Elementi che determinano lo scioglimento degli effetti contrattuali tra le parti
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Elementi che determinano lo scioglimento degli effetti contrattuali tra le parti"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto