Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Effetti della separazione



Per effetto della separazione viene assicurato il prioritario soddisfacimento con i beni del defunto dei di lui creditori che l'abbiano promossa (I comma art. 512 cod. civ. ). In un certo senso si può dire che la prelazione è duplice: da un lato garantisce che i creditori dell'erede non possano concorrere sui beni ereditari, dall'altro permette ai creditori separatisti di anteporre le proprie ragioni di credito a quelle dei creditori non separatisti nota1. Quest'ultima proposizione deve tuttavia essere verificata alla luce del modo di disporre dell'art. 514 cod. civ. , oggetto di separata analisi. A ben vedere infatti una piena deroga alla par condicio creditorum è limitata al caso in cui il valore della parte dei beni ereditari non separata sarebbe bastato a soddisfare i creditori ed i legatari non separatisti.

Note

nota1

Palazzo, Le successioni, t. 1, in Tratt. di dir. priv., a cura di Iudica-Zatti, Milano, 2000, p. 383; Ferrari, voce Separazione beni del defunto, in Enc. dir., p. 1479.
top1

Bibliografia

  • FERRARI, Separazione beni del defunto, Enc. dir., XLI, 1989
  • PALAZZO, Le successioni, Milano, Trattato di dir. priv. a cura di Iudica e Zatti, I, 2000

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Effetti della separazione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Effetti della separazione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto