Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Divisione contrattuale: le impugnative



La divisione contrattuale può essere impugnata, oltre che per ragioni inerenti all'invalidità di ogni negozio giuridico, con due azioni particolari previste espressamente dalla legge: l' annullamento per violenza o dolo nonchè la rescissione per lesione. Non risulta invece praticabile l'impugnativa per errore nota1. Difficoltà speciali si prospettano in tema di risoluzione per inadempimento nota2.

Il difetto di partecipazione di uno dei condividenti genera, secondo l'interpretazione prevalente nota3, addirittura la nullità della divisione, al contrario di quanto accade in tema di difettosità oggettiva: l'omissione di uno o più beni dell'eredità non dà luogo, infatti, al radicale vizio della nullità, bensì soltanto ad una divisione supplementare (art. 762 cod.civ. ).

I vizi e le impugnative predette riguardano ogni forma di divisione negoziale,
compresa la divisione fatta dal testatore.

Si ricorda infine che, come si assume separatamente a proposito dell' intervento e dell'opposizione nella divisione, i creditori ed i cessionari sono titolari di una propria legittimazione ad impugnare la divisione (consensuale o giudiziale) già eseguita quando abbiano notificato un atto di opposizione anteriormente alla divisione stessa, secondo quanto dispone l'art. 1113 cod.civ..

Note

nota1

Si vedano, tra gli altri, De Cesare-Gaeta, Le ipotesi divisionali, in Successioni e donazioni, a cura di Rescigno, vol. II, Padova, 1994, p.37; Torrente-Schlesinger, Manuale di diritto privato, Milano, 1985, p.1041.
top1

nota2

Cfr. Capozzi, Successioni e donazioni, Milano, 1982, p.721; Bianca, Diritto civile, vol. VI, Milano, 1999, p.493; Gazzara, voce Divisione (dir. priv.), in Enc. dir., p.425.
top2

nota3

Così Burdese, La divisione ereditaria, in Tratt.dir.civ.it., diretto da Vassalli, Torino, 1980, p.118; Azzariti, Le successioni e le donazioni, Padova, 1982, p.754; Barbero, Il sistema del diritto privato, Torino, 1993, p.1203; Mengoni, La divisione testamentaria, Milano, 1950, p.104.
top3

Bibliografia

  • AZZARITI, Le successioni e le donazioni: Libro secondo del Codice Civile, Padova, 1982
  • BIANCA, Diritto Civile, Milano, VI, 1999
  • BURDESE, La divisione ereditaria, Torino, vol. XX, 1980
  • CAPOZZI, Successioni e donazioni, Milano, II, 1982
  • DE CESARE-GAETA, Le ipotesi divisionali, Padova, Succ. e don. dir. da Rescigno, II, 1994
  • GAZZARA, voce Divisione (dir. priv.), Enc.dir.
  • MENGONI, La divisione testamentaria, Milano, 1950

Prassi collegate

  • Quesito n. 620-2009/C, Insussistenza del titolo alla base della divisione ereditaria ed acquisto del terzo



Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Divisione contrattuale: le impugnative
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Divisione contrattuale: le impugnative"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto