Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Divieti legali di cessione



La legge può non consentire il mutamento del soggetto attivo del diritto di credito con riferimento alla natura del credito ovvero in relazione alla persona di soggetti che ricoprono particolari cariche.

L'art. 447 cod.civ. fa espresso divieto di cedere (o di compensare) il credito alimentare nota1 proprio a causa della funzione che esso esercita: quella cioè di consentire all'alimentando di soddisfare le proprie esigenze fondamentali di vita. La regola peraltro sembra avere una portata limitata all'obbligazione alimentare che sorge per legge e non a quella convenzionalmente pattuita nota2 (Cass. Civ. Sez. II, 10362/97).

Speciali divieti di cessione, ora previsti a pena della nullità, ora a pena della semplice annullabilità della relativa pattuizione sono prescritti rispettivamente dall'art. 1261 cod. civ. e dagli artt. artt. 323 e 378 cod. civ..

Occorre infine osservare che l'art. 1263 cod. civ. contempla il divieto di trasferire al cessionario, in difetto del consenso del costituente, il possesso della cosa ricevuta in pegno, prevedendo, in caso di dissenso, che il cedente rimanga custode del pegno nota3.

Questa regola deve essere posta in relazione al principio di cui all'art. 2792 cod. civ. , che proibisce il subpegno. Qui si evidenzia un collegamento tra divieto di cessione del credito e subcontratto.

Note

nota1

Secondo la prevalente dottrina l'incedibilità degli alimenti riguarda il credito relativo alle prestazioni future, non anche quello relativo alle prestazione arretrate: Provera, Degli alimenti, in Comm. cod. civ., a cura di Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1972, p. 158; Secco-Rebuttati, Degli alimenti, Milano, 1957, p. 447; Bianca, Diritto civile, vol. II, Milano, 1985, p. 361. Si è tuttavia sostenuto (Auletta, Alimenti e solidarietà familiare, Milano, 1984, p. 164) che sarebbero incedibili anche le somme scadute, almeno fino a quando non sia fornita la prova, anche presuntiva, a carico del cessionario, che quelle somme non svolgono più alcuna funzione alimentare.
top1

nota2

Analogamente Vincenzi Amato, Degli alimenti, in Comm. cod. civ., dir. da Cendon, vol. I, Torino, 1997, p. 797.
top2

nota3

In tal senso Rubino, La responsabilità patrimoniale. Il pegno, in Tratt. dir. civ., dir. da Vassalli, vol. XIV, Torino, 1956, pp. 197 e ss.
top3

Bibliografia

  • AULETTA, Alimenti e solidarietà familiare, Milano, 1984
  • BIANCA, Diritto civile, Milano, III, 1985
  • PROVERA, Degli alimenti, Bologna - Roma , Comm.cod.civ. a cura di Scialoja e Branca, 1972
  • SECCO e REBUTTATI, Degli alimenti, Milano, 1957

Prassi collegate

  • Quesito n. 138-2009/I, Riserva di usufrutto in favore del genitore sulle partecipazioni di srl in sede di costituzione
  • Quesito n. 678-2009/C, Cessione di credito art. 117 d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 – fattispecie


Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Divieti legali di cessione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Divieti legali di cessione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto