Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Disciplina dell'evizione (permuta)



L'art. 1553 cod.civ. appronta una regola specificamente riferita alla permuta, per l'ipotesi in cui uno dei permutanti abbia a patire l'evizione. Il fatto evizionale si sostanzia nel definitivo accertamento del diritto del terzo sulla cosa oggetto del contratto e nella conseguente condanna del permutante al rilascio di essa.

In tal caso il permutante evitto è posto (a differenza di ciò che si può dire per l'acquirente nella compravendita) di fronte ad un'alternativa: riavere la cosa data all'altro permutante oppure ottenere la corresponsione di una somma di denaro pari al valore della cosa evitta. In ogni caso la norma in esame stabilisce che il permutante ha diritto al risarcimento del danno (es.: un peculiare utilizzo del bene infungibile destinato a procurare uno speciale vantaggio). Quando il permutante agisca per la restituzione del bene già di sua proprietà sembra appropriato fare riferimento alla risoluzione del contratto, ciò che importerebbe l'applicazione dell'art. 1479 cod.civ. nota1.

Cosa dire dell'evizione reciproca o bilaterale? L'ipotesi può senz'altro avere luogo: si pensi a Tizio ed a Caio che subiscono, con esito negativo per ciascuno di essi, l'azione di rivendicazione ad opera di terzi che si affermano proprietari delle cose reciprocamente permutate. In questo caso giova tuttavia osservare che l'unico rimedio a disposizione delle parti sarà quello di agire per essere rimborsati del valore della cosa trasferita all'altra parte (oltre alla tutela risarcitoria) nota2 .

Infine quanto all' evizione limitativa (art. 1489 cod.civ.) può ipotizzarsi la conseguente riduzione del prezzo ex art. 1480 cod.civ. nota3.

Note

nota1

Così Bianca, La vendita e la permuta, in Tratt. dir.civ.it., diretto da Vassalli, Torino, 1972, p.1031.
top1

nota2

In questo senso Giannatasio, La permuta. Il contratto estimatorio. La somministrazione, in Tratt. dir.civ. e comm., diretto da Cicu-Messineo, Milano, 1974, p.55; Cottino, Del riporto. Della permuta, in Comm.cod.civ., a cura di Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1970, p.113.
top2

nota3

Oberto, voce Permuta, in Dig.disc.priv., p.376.
top3

Bibliografia

  • BIANCA, La vendita e la permuta, Torino, Tratt. dir. civ. dir. da Vassalli, vol. VII- t. 1-2, 1993
  • COTTINO, Del riporto; della permuta (Artt. 1548-1555), Bologna-Roma, Comm. cod. civ. a cura di Scialoja-Branca, vol. XIV, 1966
  • GIANNATTASIO, La permuta, il contratto estimatorio e la somministrazione, Milano, Tratt.dir.civ.e comm.Cicu Messineo, 1974
  • OBERTO, Permuta, Dig.disc.priv.

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Disciplina dell'evizione (permuta)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Disciplina dell'evizione (permuta)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto