Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Disciplina del negozio condizionato



L'atto sottoposto a condizione, sia sospensiva, sia risolutiva, è contrassegnato da una disciplina particolare. La legge assume in speciale considerazione alcuni aspetti, quali la difettosità dell'evento dedotto nella clausola condizionale sotto il profilo dell'impossibilità o dell'illiceità del medesimo, nonché lo svolgimento diacronico della fattispecie condizionale. Sono disciplinate le situazioni giuridiche soggettive facenti capo alle parti, delle quali la più tipica è costituita dall' aspettativa nota1 .

La prima osservazione da compiere consiste tuttavia  nel riferire che non tutti gli atti tollerano l'apposizione della clausola condizionale: in particolare non sono sottoponibili a condizione i c.d. actus legitiminota2.

Note

nota1

Costanza, La condizione e gli altri elementi accidentali, in I contratti in generale, dir. da Gabrielli, t.2, Torino, 1999, p.849.
top1

nota2

Gazzoni, Manuale di diritto privato, Napoli, 1996, p.874 .
top2

 

Bibliografia

  • COSTANZA, La condizione e gli altri elementi accidentali, Torino, I contratti in generale, II, 1999
  • GAZZONI, Manuale di diritto privato, Napoli, 2006

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Disciplina del negozio condizionato
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Disciplina del negozio condizionato"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto