Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Disciplina del factoring: l'avvento della legge 21/02/1991 n.52



La legge 21-2-1991, n. 52 ha dettato in materia di factoring una puntuale disciplina che viene a colmare il precedente vuoto normativo che aveva cagionato non pochi dubbi tra gli interpreti. La normativa, pur non avendo ad oggetto il factoring in maniera organica; è comunque intervenuta a disciplinare taluni aspetti della cessione dei crediti che si verificano in dipendenza dell'intervenuta stipulazione del contratto. E' così possibile ricavare gli elementi necessari per una meno vaga definizione della negoziazione in esame. Si può parlare di factoring in senso tecnico, secondo l' art. 1 della legge predetta, quando la cessione di crediti intervenga nella concorrente presenza dei tre requisiti che seguono:

a) il cedente sia un imprenditore;

b) i crediti ceduti sorgano da contratti stipulati nell'esercizio di un' impresa;

c) il cessionario sia una società o un ente nel cui oggetto sociale sia ricompreso l' acquisto di crediti di impresa ovvero che risponda a determinati specifici requisiti di capitalizzazione.

Ricorrendo i detti presupposti, la cessione è disciplinata dalla legge in esame nota1. Quando, invece, faccia difetto uno o più dei cennati requisiti, si manifesta la permanente applicabilità della sola disciplina prevista dal codice civile per la cessione del credito (artt. 1260-1267 cod.civ. ).

Alle società ed agli enti cessionari l'art.2 impone inoltre l'iscrizione, avente natura costitutiva, in un albo tenuto presso la Banca d'Italia, la quale è altresì incaricata di svolgere la vigilanza sul corretto funzionamento dell'attività nota2.

nota1

Note

nota1

La norma ha quindi previsto requisiti soggettivi ed oggettivi per lo svolgimento dell'attività di factoring: cfr. De Marchis, La nuova disciplina dell'acquisto dei crediti d'impresa, in Impresa, n.9, 1991, p.1252.
top1

nota2

Al fine di garantire una maggiore trasparenza delle operazioni è stato anche previsto l'obbligo per le imprese cessionarie di essere sottoposte alla certificazione del proprio bilancio annuale: Cantele, Finalmente una legge per il factoring, in Corr.giur., n.4, 1991, p.395.
top2

Bibliografia

  • CANTELE, Finalmente una legge per il factoring, Corr. giur., 4, 1991
  • DE MARCHIS, La nuova disciplina dell'acquisto dei crediti di impresa, Impresa, 9, 1991

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Disciplina del factoring: l'avvento della legge 21/02/1991 n.52
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Disciplina del factoring: l'avvento della legge 21/02/1991 n.52"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto