Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Disciplina del contratto rescindibile




Come già affermato in sede di definizione e di analisi della natura giuridica dell'istituto della rescissione, l'ambito del rimedio non è generale, riguardando i contratti a prestazioni corrispettive contrassegnati dalla commutatività (VI° comma art. 1448 cod.civ. ). Svolta questa premessa, analizzeremo preliminarmente la specifica ipotesi di cui all'art. 1970 cod.civ. , norma che preclude l'impugnazione per lesione dell'accordo transattivo.

Tra gli aspetti salienti della disciplina dell'istituto possono essere considerati l'efficacia retroattiva limitata alle parti e l'inammissibilità della convalida da parte del soggetto che si potrebbe giovare dell'azione (art. 1451 cod.civ. ), potendo al più eventualmente subentrare, da parte dell'altro contraente, un'offerta di modificazione del contratto (art. 1450 cod.civ. ). Di essa costituisce un'ipotesi speciale la facoltà del coerede di effettuare il supplemento nell'ambito del negozio divisionale (art. 767 cod.civ. ). Rilievo particolare merita infine la disamina della disciplina della prescrizione (art. 1449 cod.civ. ), con particolare riferimento alla inoperatività in materia del principio quae temporalia ad agendum perpetua ad excipiendum.

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Disciplina del contratto rescindibile
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Disciplina del contratto rescindibile"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto