Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Disciplina del contratto di agenzia




Il codice civile regola, con una disciplina talvolta inderogabile, il rapporto che viene instaurato tra agente e preponente. Alla normativa del codice si è nel tempo sovrapposta la legislazione speciale (cfr. la legge 3 maggio 1985, n. 204 nonchè i d.lgs 10 settembre 1991 n.303  e 15 febbraio 1999 n.65 , che hanno profondamente modificato la normativa codicistica) anche di carattere comunitario  (si pensi alla direttiva n.653/86/CEE ).

Nel corso della disamina che seguirà assumeremo in separata considerazione vari aspetti afferenti al contratto di agenzia: tali la forma di esso (cfr. II° comma art.1742 cod.civ. ), l'iscrizione nell'apposito ruolo  localmente tenuto presso le CCIAA, le conseguenze giuridiche dell'esercizio dell'attività in difetto di iscrizione.

Non meno importante risulta l'esame della disciplina prevista in tema di diritti e di obblighi dell'agente (artt. 1746 ; 1747 ; 1748 cod.civ. ) e del preponente (art.1749 cod.civ. ), di corresponsione della provvigione e dell'indennità di fine rapporto (art.1751 cod.civ. ), della durata di quest'ultimo (art.1750 cod.civ. ), della stipulazione di clausole peculiari come quella in forza della quale l'agente si impegna a non fare concorrenza al proponente (art.1751 bis cod.civ. ).

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Disciplina del contratto di agenzia
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Disciplina del contratto di agenzia"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto