Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Diritto di regresso del venditore finale (vendita di beni di consumo)




Ai sensi dell'art. 131 del D. Lgs. 6 settembre 2005, n. 206 (c.d. Codice del consumo) ogniqualvolta il venditore finale sia considerato responsabile nei confronti del consumatore relazione ad un difetto di conformità imputabile ad un'azione o un'omissione del produttore ovvero "di un precedente venditore della medesima catena contrattuale distributiva o di qualsiasi altro intermediario", vanta un diritto di regresso nei confronti del soggetto o dei soggetti responsabili facenti parte della suddetta catena distributiva. E' fatta espressamente salva la possibilità del patto contrario ovvero di una rinunzia a tale diritto da parte del venditore finale.

L'ultimo comma dell'art. 131 del D. Lgs. 6 settembre 2005, n. 206 concretando i termini dell'azione, prescrive che il venditore finale il quale abbia ottemperato ai rimedi esperiti dal consumatore, abbia la possibilità di agire in regresso nel termine decadenziale di un anno a far tempo dall'esecuzione della prestazione nei confronti del soggetto o dei soggetti responsabili. Ciò allo scopo di ottenere la reintegrazione di quanto prestato al consumatore.

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Diritto di regresso del venditore finale (vendita di beni di consumo)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Diritto di regresso del venditore finale (vendita di beni di consumo)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto